18 luglio 2020
ore 23:45
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 53 secondi
 Per tutti
forti temporali al Sud (foto di repertorio livesicilia)
forti temporali al Sud (foto di repertorio livesicilia)

Aggiornamento ore 20.00: Continua l'estate a singhiozzo. La perturbazione che ha attraversato la Penisola ha lasciato al suo seguito condizioni di diffusa instabilità atmosferica al Centro Sud nelle ultime ore con rovesci e temporali qua e là anche di forte intensità. La Sicilia ancora una volta è la Regione più coinvolta da fenomeni intensi. Nel corso del pomeriggio un nubifragio ha interessato l'area dei Peloritani (picchi di oltre 60mm di pioggia) e il catanese. Su quest'ultima zona si segnalano le problematiche maggiori. L'area più coinvolta è tra Ramacca e Scordia dove alle intense precipitazioni si sono sommati gli effetti delle forti raffiche di vento che hanno scoperchiato il tetto di una casa di riposo. Diversi gli interventi dei vigili del fuoco. Temporali tra Siracusa e Augusta. Le precipitazioni, anche sotto forma di temporale hanno riguardato alcune zone della Calabria, la Campania interna (fino a 40mm sul casertano), il Lazio meridionale e la Sardegna interna, specie il nuorese.

------------------------------

Cronaca ore 18 - nel corso delle ultime ore un minimo di bassa pressione in evoluzione sull'area balcanica ha rinnovato una marcata instabilità su parte della Penisola. Nel corso della notte e fino alle prime ore del mattino forti temporali hanno interessato le regioni di Nordovest con accumuli fino a 40-50mm tra Torinese e Cuneese e in maniera più contenuta anche il Nordest e l'Emilia Romagna con punte di 10-15mm. Piogge a carattere sparso hanno poi interessato in mattinata le Marche e la Toscana interna ma con apporti pluviometrici esigui. Nel pomeriggio l'instabilità è andata progressivamente intensificandosi sulle regioni meridionali con lo sviluppo di numerosi focolai temporaleschi. I più imponenti hanno colpito la Sicilia centro orientale tra Enna, Caltanissetta, il Messinese , il Catanese ed il Siracusano con fenomeni localmente forti e accompagnati da grandinate.  Un nubifragio si è abbattuta tra Ramacca e Scordia dove si è anche verificata una tromba d'aria. I sommozzatori dei vigili del fuoco hanno soccorso un'auto travolta dall'acqua in una discesa, mentre a Scordia stanno mettendo in salvo gli ospiti di una casa di riposo scoperchiata dal vento. Disagi vengono segnalati anche a Catenanuova e Acireale.Gli accumuli provvisori sono compresi tra 30 e 60mm. 

Molti danni in Sicilia nel Catanese per nubifragi e venti forti (fonte foto lasicilia.it)
Molti danni in Sicilia nel Catanese per nubifragi e venti forti (fonte foto lasicilia.it)

In Sardegna i temporali più intensi si sono sviluppati nel Nuorese con accumuli fino a 40mm. Altri temporali si sono sviluppati sull'Appennino campano molisano e su quello calabro-lucano con fenomeni localmente forti nell'alto cosentino a Castrovillari. Le piogge in Campania hanno raggiunto anche il Casertano, il Beneventano e l'Avellinese cosi come il Cilento, mentre tra Basilicata e Calabria sono sfociate anche sulla costa metapontina e nella zona di Sibari. Gli accumuli hanno toccato i 30-35mm. Focolai più piccoli si sono accesi anche tra Lazio e Abruzzo sfociando localmente nel Frusinate e sul basso Veneto con un temporale isolato nel Trevigiano che poi si è spostato verso sud.  Una nuvolosità irregolare foriera di qualche debole pioggia ha interessato anche il basso Friuli.

Per quanto riguarda l'aspetto termico, le temperature massime sono diminuite al Sud mentre sono leggermente aumentate al Nord. I valori sono risultati sotto media sul Triveneto, l'Emilia orientale, la Romagna, il medio basso versante Adriatico e lo Ionio. Altrove valori normali con punte di 32°C in Sardegna nel Cagliaritano.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati