7 aprile 2020
ore 6:00
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 12 secondi
 Per tutti

Almeno 3 grandi appuntamenti con il cielo da non perdere tra aprile e maggio, si inizia con la Superluna del giorno 8 (qui un approfondimento), poi ci sarà il passaggio dell'asteroide 1998 OR2 il giorno 29 e infine a maggio il transito della cometa Atlas. Della superluna abbiamo già ampiamente parlato, approfondiamo quindi gli altri due argomenti:

Asteroide 1998 OR2: scoperto nel 1998 è un asteroide con un'orbita eccentrica del diametro tra 2 e 4km, gigantesco quindi quasi come il Monte Bianco e classificato come potenzialmente pericoloso. L'impatto sulla terra di un corpo celeste di tali dimensioni non solo distruggerebbe per centinaia di chilometri l'area dell'impatto ma sarebbe in grado di cambiare drasticamente e drammaticamente il clima dell'intero pianeta sollevano quantità di polveri che resterebbero in atmosfera per decenni. Niente paura però, nell'incontro del 29 aprile ci sfiorerà soltanto, si fa per dire, passando a ben 6.3 milioni di chilometri dalla Terra quindi più di 16 volte la distanza terra-Luna. Anche nel successivo passaggio (17 aprile 2079) si manterrà ad una distanza minima di almeno 2.3 milioni di chilometri non incrociando mai l'orbita terrestre, l'unico pianeta a rischiare una collisione potrebbe essere Marte. Il 29 aprile, quando raggiungerà la minima distanza alla Terra, avrà una luminosità di 10.9 magnitudini e quindi sarà visibile anche con piccoli telescopi, anche se non sarà facile osservarlo in quanto si troverà molto basso sull'orizzonte. Quando arriveremo più sotto l'evento vi daremo qualche ragguaglio su come e dove cercarlo nel cielo.

Cometa Atlas: nota agli astronomi come C/2019 Y4 (ATLAS) è in avvicinamento alla terra e raggiungerà il suo punto di minore distanza da noi il 23 maggio mentre sarà alla distanza minima dal Sole il 31 maggio. Il momento più indicato per riuscire ad osservarla a occhio nudo sarà quindi proprio tra queste due date visto che la maggiore vicinanza al Sole avrà reso la sua chioma più brillante, tuttavia si stima che potrebbe essere avvistata dalla Terra già tra la fine di Aprile e i primi giorni di maggio. Atlas è di un bel colore verde causato dalle emissioni di carbonio biatomico ed ha una coda molto lunga, fino al doppio del diametro del Sole. Questa del 2020 purtroppo sarà l'unica occasione per poterla osservare in quanto il suo periodo orbitale millenario ce la riporterà solo tra più di 5000 anni....

Atlas in questi momento si trova nella costellazione della Giraffa (Camelopardalis) ed è visibile solo con l'ausilio di un telescopio. Anche per questo appuntamento vi daremo maggiori ragguagli più sotto l'evento. Seguiteci sempre


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati