10 gennaio 2019
ore 20:00
di Daniele Berlusconi
tempo di lettura
1 minuto, 7 secondi
 Per tutti

In base ai dati elaborati dall'Isac-Cnr il 2018 è stato l'anno più caldo dal 1800 in Italia. L'anomalia di temperatura è risultata di +1.58°C sopra la media del periodo di riferimento (1971-2000) e ha superato il precedente record del 2015 (+1.44°C). 

Dieci mesi del 2018 hanno fatto registrare anomalie positive e nove di essi di oltre 1°C rispetto alla media. Solo i mesi di Febbraio e di Marzo hanno chiuso sottomedia (il primo) o in media (il secondo). Particolarmente eccezionali sono stati i mesi di gennaio (il secondo più caldo dal 1800 ad oggi con una anomalia di +2.37°C rispetto alla media) e aprile (il più caldo di sempre, con un'anomalia di +3.50°C rispetto alla media). Anche l'Autunno è risultato complessivamente molto caldo, il secondo di sempre (anomalia trimestrale +2.11°C).

Il 2018 conferma dunque il trend all'aumento della temperatura a partire dagli anni '80, che si può quantificare in un aumento medio ormai vicino ai 2°C. Significativo è il fatto che tra i 30 anni più caldi dal 1800 ad oggi 25 siano successivi al 1990.

La situazione analoga anche nei Paesi dell'Europa centrale: il 2018 è stato l'anno più caldo in Francia, Svizzera, Germania e Austria. Non è stato il più caldo invece nei paesi del Nord Europa, come la Svezia, nonostante il caldo eccezionale di Luglio. 

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati