29 marzo 2020
ore 21:00
di Edoardo Ferrara
tempo di lettura
4 minuti, 11 secondi
 Per tutti
Clima e Coronavirus: il caldo ci aiuterà?
Clima e Coronavirus: il caldo ci aiuterà?

CORONAVIRUS E CLIMA, LE RICERCHE CONTINUANO, GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI - Stiamo vivendo uno dei momenti più difficili per l'umanità, con l'intero pianeta chiamato a fronteggiare l'emergenza sanitaria per la pandemia da Covid-19. In questi giorni molto duri, la ricerca non si ferma ed è in fermento, trasversale su diversi fronti, per cercare di conoscere il più possibile la struttura di questo nuovo virus ma anche il suo comportamento. Tra questi fronti vi è anche quello climatico: nuove ricerche scientifiche sono state pubblicate (o sono in fase di pubblicazione) negli ultimi giorni, per cercare di trovare le correlazioni tra il Covid-19 e il clima, sia per quanto riguarda la sua sopravvivenza in un determinato contesto climatico, sia per quanto riguarda l'efficacia della sua diffusione. Avevamo già trattato l'argomento a seguito delle pubblicazioni di primi studi cinesi. Con il passare dei giorni abbiamo un maggior numero di dati disponibili su distribuzione ed entità del contagio a livello globale; questo fatto permette analisi statistiche via via più accurate sebbene la qualità, capillarità e consistenza di questi dati non sia propriamente omogenea (ad esempio in Africa e India i dati sulla diffusione del virus potrebbero non essere completi).

IL COVID-19 PREDILIGE IL FREDDO?

Tra le nuove ricerche pubblicate nell'ambito del legame Coronavirus e Clima vi è quella del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Cambridge, negli USA, dalla quale si evincono risultati consistenti con le ricerche cinesi di inizio marzo (qui la ricerca completa). In particolare da questo studio emerge che circa il 90% dei contagi da Covid-19 sarebbe avvenuto, per ora, in un intervallo di temperatura compreso tra 3°C e 17°C e in un range di umidità assoluta compreso tra i 4 e i 9 grammi per metro cubo. Le aree geografiche che tra gennaio e marzo hanno evidenziato temperature medie superiori ai 18°C hanno riscontrato un numero decisamente inferiore di contagi, ad oggi stimato al di sotto del 6% dei casi. Di fatto sono evidenti casi di contagio anche nei Paesi caldi, tuttavia secondo le analisi dei ricercatori del MIT la trasmissione dell'infezione è decisamente più veloce nelle zone dove vige ancora un clima invernale. Nel caso specifico degli Stati Uniti, il contagio procede a ritmo più lento in Texas, Florida e Arizona (dove fa mediamente più caldo), rispetto agli Stati più settentrionali come New York e Washington. Da queste analisi tuttavia non è ancora chiaro se ai fini della trasmissione del contagio sia più influente la temperatura o l'umidità assoluta del'aria.

A questi risultati fanno eco, oltre alle ricerche cinesi di inizio marzo per le quali la trasmissione del virus risulta più lenta in ambienti caldi e umidi e più efficace in aria fredda e secca, anche altri studi effettuati da ricercatori spagnoli e finlandesi e in fase di pre-pubblicazione (qui la ricerca completa). Tra gli aspetti più interessanti emerge quello di range di 'optimum climatico' per il virus ancora più particolareggiato e che va dai 2°C ai 10°C. 

IL CALDO DUNQUE OSTACOLA IL VIRUS?

Il comune denominatore degli studi fino ad ora effettuati è quello del caldo come fattore di potenziale ostacolo per questo nuovo virus. Ricordiamo infatti che il Covid-19 fa parte della stessa famiglia di Coronavirus alla quale appartiene l'influenza: nella stragrande maggioranza dei casi questi virus perdono il loro potenziale infettivo con il caldo in quanto viene danneggiata almeno in parte la loro integrità strutturale. A tal proposito un team di ricercatori dell'Università dello Utah sta studiando gli effetti di alterazione di temperatura e umidità sulla struttura molecolare del virus. 

L'ESTATE CI AIUTERA'?

Ad oggi, nonostante le numerose ricerche in corso, non è ancora possibile dare una risposta definitiva in quanto non si conosce il Sars-Cov-2 a sufficienza per poterlo fare: è tuttavia plausibile che anche il Covid-19, analogamente alla maggior parte dei membri della famiglia dei Coronavirus, subisca un rallentamento della diffusione durante la stagione calda. Ribadiamo che questo non significa che con il caldo il virus muore, ma potrebbe risultare meno infettivo. Se questa correlazione virus-clima fosse confermata dovremmo comunque considerare due aspetti importanti: il primo è che con l'arrivo dell'Inverno australe paesi come Australia, Argentina e Sud Africa dovrebbero registrare un'accelerazione dei contagi nei prossimi mesi. Il secondo, che riguarda noi, sarebbe di tipo temporale: avremmo infatti un vantaggio solamente temporaneo e non di immunità, legato semplicemente alla ciclicità delle stagioni. Con il ritorno al prossimo Inverno infatti il Covid-19, in parziale quiescenza durante i mesi caldi, potrebbe tornare a diffondersi con maggiore efficacia, esattamente come fanno diversi virus influenzali stagionali. Certamente nei prossimi mesi ne sapremo di più e potremo avere risposte più chiare e puntuali anche su questi importanti quesiti.

Il rate di contagio a marzo secondo lo studio cinese: High Temperature and High Humidity Reduce the Transmission of COVID-19
Il rate di contagio a marzo secondo lo studio cinese: High Temperature and High Humidity Reduce the Transmission of COVID-19
Il rate di contagio a luglio secondo lo studio cinese: High Temperature and High Humidity Reduce the Transmission of COVID-19
Il rate di contagio a luglio secondo lo studio cinese: High Temperature and High Humidity Reduce the Transmission of COVID-19

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati