5 marzo 2021
ore 9:29
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 8 secondi
 Per tutti
Allerta tsunami in tutto il Pacifico
Allerta tsunami in tutto il Pacifico

AGGIORNAMENTO ORE 9,30. Rientra l'allerta tsunami in Nuova Zelanda, anche se rimane il rischio sulle aree marittime per la possibilità di onde anomale. Le persone evacuate possono fare rientro nelle loro abitazioni, poiché secondo le autorità locali non vi è più la necessità di rifugiarsi sulle zone collinari e o dell'entroterra. Rientrata l'allerta anche per le Isole Samoa e per la costa australiana.

AGGIORNAMENTO ORE 8. Dopo il terremoto 7.2 che giovedì ha interessato il nordest della Nuova Zelanda e in particolare la zona di Gisborne, con allerta tsunami successivamente rientrata, una nuova forte scossa di magnitudo 8.1 è stata registrata sulle isole Kermadec, circa 1000km a nordest dell'Isola del Nord della Nuova Zelanda, alle ore 08:28 (ore 20:28 in Italia), con epicentro a 10km di profondità.

Ne è conseguita un'altra allerta tsunami, valida in questo caso per tutto il Pacifico, a causa di onde alte fino a 3 metri che potrebbero interessare, oltre l'Australia, anche le isole Fiji, Cook, Samoa e addirittura le Hawaii. Ma non solo, le onde potrebbero spingersi fino alle coste di Colombia, Ecuador, Costa Rica e Messico.

Immediatamente è scattato l'allarme tsunami per i residenti neo zelandesi, con ordine di evacuazione dalle zone costiere orientali. I residenti sono stati invitati a dirigersi verso le aree dell'entroterra, possibilmente su quelle collinari.






Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati