27 aprile 2021
ore 14:59
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 23 secondi
 Per tutti
Incendi USA in un'immagine di archivio
Incendi USA in un'immagine di archivio

Da domenica 25 aprile una parte del comparto occidentale dell'Arizona è in fiamme, alle prese con l'incendio denominato Flag Fire, che prende il nome dalla zona principale in cui si sta verificando, quella della Flag Mine. Complici i venti secchi e la situazione siccitosa diversi grandi focolai si sono sviluppati nella zona tra la Flag Mine e il Wild Cow Campground, nelle montagne del Hualapai. Siamo quasi al confine con la California e il Nevada, a poco più di di un centinaio di chilometri da Las Vegas, non lontani dal fiume Colorado.


I vigili del fuoco stanno lavorando senza sosta per cercare di arginare i fronti di fuoco, con l'ausilio di diversi elicotteri. Più di 500 ettari di bosco sono andati in fiamme in un paio di giorni, ma oggi, martedì, il grosso del lavoro di contenimento delle fiamme è stato fatto, con successo. Anche grazie all'attenuazione del vento e all'aumento dell'umidità, grazie all'arrivo di qualche pioggia. Intanto sono stati chiusi il Hualapai Mountain Resort e il Hualapai Mountain Park.


Nel frattempo però sono stati fatti evacuare diversi residenti appartenenti alle comunità di Atherton Acres e Pinion Pine, abitanti in circa 200 abitazioni. Alcune strade sono state chiuse al traffico a scopo precauzionale a partire dalla Hualapai Mountain Road, ad eccezione che per gli evacuati e per i soccorritori. Gli stessi contano di terminare le operazioni di contenimento più urgenti entro la giornata di oggi (martedì) per mettere in sicurezza la zona e permettere nei prossimi giorni ai residenti di tornare nelle loro abitazioni.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati