2 settembre 2019
ore 7:59
di Manuel Mazzoleni
tempo di lettura
2 minuti, 54 secondi
 Per tutti

Nel corso delle ultime un'insidiosa circolazione di bassa pressione ha continuato ad abbracciare le nostre regioni meridionali rinnovando frequenti annuvolamenti e precipitazioni sparse, localmente anche a carattere temporalesco.

DISAGI IERI NELLA CAPITALE - Nel tardo pomeriggio di ieri un violento temporale si è abbattuto sui Castelli romani, con forti piogge e raffiche di vento. Colpita in parte anche la Capitale. Un uomo è rimasto in panne mentre era alla guida della sua auto ad Ariccia, dove in breve tempo le strade si sono trasformate in veri e propri fiumi. A Genzano un fulmine ha centrato un enorme Cedro del libano rendendolo instabili cosi come a Velletri in via Capanna Murata dove un grosso albero è stato sradicato dal vento e si è abbattuto sul manto stradale. Ad Albano la violenza dell'acqua che ha portato via interi pezzi di strada. Via Uccelli è stata invasa da sassi e detriti. Nei pressi dell'ospedale Spolverini si è aperta una voragine. A causa delle forti piogge i vigili del fuoco hanno chiuso il sottopasso Appia bis in direzione Velletri. Alberi pericolanti e rami in strada anche in via Appio Claudio, dove un pino marittimo si è adagiato su un altro albero.

TEMPORALI NEL POMERIGGIO DI IERI - I numerosi temporali sbocciati ieri lungo l'Appennino e le zone limitrofe hanno creato disagi anche nel Pisano in particolar modo nel comune di San Miniati dove i pompieri sono intervenuti riguardano rami e alberi pericolanti oltre che a tegole, gronde e oggetti simili divelti dalle fortissime e improvvise raffiche di vento. Disagi anche nel palermitano: le precipitazioni hanno causato difficoltà alla circolazione soprattutto nelle zone periferiche e in autostrada. In particolare, sono stati segnalati allagamenti sulla A29 Palermo-Mazara del Vallo, all'altezza di Carini e Isola delle Femmine. Interessata dal maltempo anche la Sardegna: allagamenti hanno interessato la Statale 197 all'altezza delle case di Furtei mentre i pompieri di Mandas hanno provveduto a rimuovere detriti e fango sulla Provinciale 36 tra Villanovafranca e il bivio per la 197.Nella zona di Furtei alcune strade rurali sono state invase dall'acqua, così come alcuni scantinati in paese. Problemi di allagamento strade anche a Sanluri.

Nel frattempo un fronte temporalesco ha valicato nel corso della notte le Alpi portando rovesci e temporali, anche di forte intensità, su medio-alta Lombardia, Piemonte settentrionale e Trentino-Alto Adige con annesso calo termico e locali disagi. Dalla mezzanotte accumulati sino a 75 mm nella zona del Sebino, 50 mm nel bergamasco, 60 mm nel milanese. A causa della caduta sulla carreggiata di alcune pietre, la statale 38 «dello Stelvio» è temporaneamente chiusa al traffico tra il km 113,150 e il km 124,300, a Bormio.

PROSSIME ORE - Nel corso delle prossime ore il fronte instabile continuerà ad interessare parte del Nord rinnovando piogge e temporali tra medio-alto Piemonte, Lombardia centro settentrionale, TAA e Veneto settentrionale; piogge e locali temporali anche tra Sicilia, Tirreniche meridionali, Molise, Basilicata e Puglia. Nel pomeriggio l'instabilità continuerà a penalizzare gran parte del Nordest così come la dorsale appenninica, le Alpi occidentali e occasionalmente interne toscane, Lazio e regioni meridionali. In serata il fronte scivolerà verso il medio Adriatico portando maltempo tra alto versante adriatico, Marche e Abruzzo settentrionale. Ancora residue precipitazioni anche su Campania meridionale, Calabria e Sicilia, specie tirrenica.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati