31 luglio 2019
ore 20:10
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 32 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE ORE 16,50. Il fronte temporalesco che si è sganciato dall'arco alpino continua ad attraversare le pianure del Nordest ed impegna ormai gran parte del Veneto centro-settentrionale e l'intero Friuli, con i fenomeni che riescono a spingersi fin sulla costa. Forti fenomeni anche grandinigeni si sono scaricati su Vicentino, Padovano e puntano ormai la Laguna Veneta. Disagi si sono avuti su Alto Vicentino, Pedemontana e Bassanese per il maltempo, con allagamenti ed alcune strade chiuse perché inondate da fiumi di fango. Nel Bellunese, in mattinata, un uomo che stava per prendere servizio in un rifugio alpino è morto folgorato da un fulmine.

SITUAZIONE ORE 15,20. La coda di un fronte atlantico in transito sull'Europa centro-settentrionale sta sconfinando a sud delle Alpi, innescando già dalla mattina di oggi, mercoledì, rovesci e temporali anche violenti. I fenomeni hanno dapprima interessato l'alta Lombardia, scaricando intensi rovesci anche grandinigeni con accumuli pluviometrici fino a 120mm sulla zona di Sondrio, 60/70mm sul Triangolo Lariano, oltre 50mm sulle valli bergamasche. Frane e allagamenti hanno interessato la zona del Lago di Como tra i comuni di Argegno e Laglio riversandosi sul Lago ma anche su alcune strade della zona, dove il traffico è difficoltoso. Chiusa per motivi di sicurezza la funicolare per Pigra.

Il maltempo si è rapidamente spostato in Trentino, in Alto Adige e in Veneto, anche in questo caso con temporali a tratti violenti e grandinigeni, ingrossando torrenti e provocando smottamenti, come accaduto a Pineta di Laives (BZ). I fenomeni si sono ora sganciati dalle zone alpine e procedono verso la pianura veneta, risultando localmente molto intensi e accompagnati da grandine e colpi di vento in particolare tra vicentino, padovano e veneziano.

PROSSIME ORE. Una certa variabilità insisterà sulle zone alpine, pur con fenomeni che andranno gradualmente attenuandosi sui settori lombardo-veneti, Trentino, Alto Adige, Dolomiti venete e Carnia, successivamente sulla Giulia, sconfinando anche con violenza alle alte pianure venete e friulane, localmente fino in prossimità del Delta del Po, ma nel corso della serata si assisterà ad una generale attenuazione dei fenomeni, prima del loro definitivo esaurimento. Fenomeni sporadici ed isolati possibili nel pomeriggio sulle Alpi occidentali. Sul resto d'Italia bel tempo prevalente salvo qualche annuvolamento diurno sull'Appennino, specie sul settore campano-lucano, e annuvolamenti sparsi che insisteranno lungo le coste basso tirreniche. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia. Per gli intensi temporali previsti tra giovedì e venerdì clicca qui.

Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Temperature previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Per conoscere in tempo reale dove sta piovendo o nevicando consulta la nostra sezione Radar, con immagini in Real Time delle precipitazioni sia a livello nazione che regionale.

Per conoscere in tempo reale la situazione del traffico sulle nostre principali strade e autostrade italiane consulta la sezione TRAFFICO.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati