28 maggio 2022
ore 23:45
di Carlo Migliore
tempo di lettura
9 minuti, 16 secondi
 Per tutti
Meteo, maltempo diffuso con temporali, grandine e venti forti di Bora
Meteo, maltempo diffuso con temporali, grandine e venti forti di Bora

MALTEMPO DA NORD A SUD, RISPARMIATE POCHE REGIONI: da diverse ore piogge e temporali anche di forte intensità e frequentemente accompagnati da grandinate stanno interessando le regioni centro settentrionali e parte del Sud. La causa è un nucleo di aria fredda che è entrato impetuosamente dalla porta della Bora con raffiche fino a 90km/h sulla città di Trieste. Correnti che sono entrate in contrasto con l'aria molto calda e umida preesistente favorendo la crescita e lo sviluppo di grossi temporali spesso accompagnati da grandine. Dunque questa al momento la situazione:

NORD SOTTO I TEMPORALI, GRANDINE GROSSA E TANTI DANNI: ancora in evoluzione il fronte temporalesco che si sta spandendo sulle regioni settentrionali. Raggiunto dopo la Lombardia, l'Emilia Romagna e il Triveneto anche il Nordovest con numerose cellule temporalesche in formazione, le più intense tra Biellese e Vercellese spostatesi poi verso sud e che interessano ora anche gran parte della Liguria in particolare Savonese e Genovese. Forti temporali hanno interessato anche la zona compresa tra Bergamo, Cremona e Brescia con grandine di grosse dimensioni, come palline da golf. Forti temporali e grandine anche in Veneto soprattutto tra Padovano e Rodigino, temporali e grandine anche in Trentino soprattutto nella provincia di Trento. Ma con questi contrasti termici è difficile che assieme alla pioggia non cada anche la grandine. Purtroppo molti danni vengono segnalati sia in Piemonte che in Lombardia soprattutto tra Bergamo, Brescia, Cremona e anche laddove i chicchi sono stati più piccoli la quantità di ghiaccio caduta è riuscita ugualmente a fare molti danni alle colture e ai frutteti. Gli accumuli di pioggia più significativi, ancora provvisori, sono quelli della provincia di Trento dove sono caduti fino a 45mm di pioggia, fino a 30 nel Milanese, 22mm nella provincia di Treviso, 20mm nel Triestino, 25mm sul basso Piemonte. 

FORTI TEMPORALI ANCHE AL CENTRO, GRANDINE DIFFUSA: L'instabilità che sta interessando le regioni centrali è iniziata con una componente più convettiva che frontale ma poi col trascorrere delle ore e l'arrivo delle correnti più fredde ha conferito ai temporali anche carattere frontale. Le cellule si sono formate inizialmente nelle zone interne appenniniche e dunque il grosso dei fenomeni è stato lungo la dorsale. Forti temporali si sono abbattuti in Umbria nella zona di Orvieto dove sono state segnalate anche delle grandinate. Altri forti temporali hanno colpito tra Assisi e Perugia, più isolati tra Viterbese, Reatino e Aquilano. Lambita anche Roma ma con accumuli poco significativi. Nelle ultime ore del pomeriggio invece i fenomeni si sono allargati anche verso la costa e in particolare sulle Marche, forti temporali hanno interessato il Pesarese fino alla costa. Accumuli notevoli, fino a 50mm nel Pesarese, 42mm nel Perugino, 52mm nel Ternano. Ora la situazione è migliorata.

FORTI TEMPORALI SULLE ISOLE, BREVE NUBIFRAGIO ANCHE SU PALERMO: l'instabilità temporalesca non ha risparmiato la Sardegna dove nel pomeriggio si sono innescati fenomeni anche intensi e non solo sulle zone interne ma fino alla città di Cagliari. Stessa situazione in Sicilia ma qui i rovesci sono stati più intensi perché stimolati dalla presenza del vortice mediterraneo. Brevi ma intensi hanno interessato soprattutto il palermitano e Palermo con accumuli fino a 20mm e qualche locale allagamento in città. Attualmente diversi temporali avvettivi, caratterizzati dallo scorrimento dell'aria fredda sulla superficie calda e umida del mare si sono formati tra il Golfo di Gaeta e il Golfo di Napoli ma qualcuno è presente anche nelle zone interne del Casertano e nel Molise. Altri temporali stanno interessando la Sicilia meridionali e sono a tratti anche intensi nella zona di Ragusa. Gli accumuli maggiori nel messinese con 35mm.

TONFO TERMICO, TEMPERATURE GIU' ANCHE DI OLTRE 10°C IN POCHE ORE - L'ingresso dell'aria fredda e il rovesciamento verso le basse quote a causa dei temporali ha causato un vero e proprio tracollo termico. Iniziato dal Friuli dove le temperature sono precipitate fino a 14°C sulla costa triestina, si è poi propagato progressivamente a tutto il resto del Nord, del Centro e anche di parte del Sud. Ciò non di meno sono state raggiunte massime fino a 36°C in Umbria, 35°C in Toscana, 34°C in Puglia e 33°C sulla Val Padana occidentale. Attualmente fa freddo sul Triveneto dove diffusi sono i valori di 14/15°C, molto fresco, non oltre i 18°C anche sul medio Adriatico. Resiste qualche valore oltre i 24/25°C sulla costa tirrenica centrale e meridionale ma è questione di ore, le temperature scenderanno anche li.

--------------

BORA A 90KM/H A TRIESTE. Si è ancora intensificata la Bora sul Triestino e le raffiche hanno raggiunto i 90km/h. Ma il vento si fa sentire anche sul resto del territorio friulano, con raffiche fino a 70km/h sulla Giulia e sul litorale goriziano.

TEMPORALI E GRANDINE SULL'ENTROTERRA LIGURE DI LEVANTE. Temporali anche di forte intensità hanno preso forma nel corso del pomeriggio sull'entroterra ligure orientale, tra Genovese e Spezzino. Si tratta della stessa area instabile che si è sviluppata sull'Appennino emiliano e che si st estendendo verso ovest, coinvolgendo i rilievi liguri orientali. Contemporaneamente altri temporali si stanno sviluppando nel pomeriggio sulle Alpi Liguri, nell'entroterra imperiese al confine con la Francia, sulla zona del Colle del Tenda. Primi focolai inoltre sulle Alpi Marittime, in provincia di Cuneo. 

TRENTINO E VENETO, TEMPORALI E GRANDINE. L'aria fresca che in afflusso da est sulle regioni settentrionali sta innescando temporali localmente violenti sulla Val Padana orientale e a ridosso dell'arco alpino. Temporali anche di forte intensità e accompagnati da grandine interessano Trentino e Veneto centro-settentrionale, con accumuli pluviometrici che hanno superato in breve tempo i 25mm sulla zona del Garda. Grandinate anche sul Padovano.

Nella seguente immagine grandine a Montagnana (PD). Foto a cura di Anna Albarello per Rete Meteo Amatori.

Montagnana (PD)
Montagnana (PD)

FORTI TEMPORALI SULL'APPENNINO EMILIANO. Si sono intensificati ulteriormente con le ore pomeridiane i temporali sulla dorsale appenninica tosco-emiliana, dal Piacentino fin verso i confini romagnoli. In alcuni casi si sta assistendo a fenomeni di forte intensità e accompagnati da grandine, con accumuli pluviometrici che superano i 30mm sulla zona del Monte Cimone, tutti concentrati in poche ore. Intanto si segnalano sconfinamenti dall'Appennino alla pianura, specialmente tra Modenese Bolognese, anche con grandine. Nel seguente video il temporale a Spilamberto (MO) a cura di Daniele Passini per Rete Meteo Amatori:


ALLAGAMENTI NEL PALERMITANO. Il vortice mediterraneo che si sta avvicinando all'estremo Sud Italia ha provocato forte instabilità intorno all'ora di pranzo sul Palermitano. Rovesci e temporali di forte intensità si sono scaricati in zona e hanno provocato allagamenti in alcuni quartieri, rendendo difficoltosa la circolazione stradale, come testimonia il seguente video a cura della pagina Instagram di Rete Meteo Amatori:


TEMPORALI IN INTENSIFICAZIONE DIURNA AL CENTRO-NORD. Mentre al mattino rovesci e temporali hanno bersagliato il Friuli orientale, specialmente il Triestino, con le ore pomeridiane l'instabilità si sta estendendo a parte del Nordest e dell'Appennino centro-settentrionale. Si segnalano rovesci e temporali su pedemontane e Prealpi lombardo-venete, su tratti delle coste venete e friulane, ma anche sulla pianura veneta nel Rodigino, localmente accompagnati da grandine. Alcuni focolai temporaleschi inoltre sull'Appennino tosco-emiliano e su quello laziale-abruzzese.

NOTEVOLE SCARTO TERMICO TRA NORDOVEST E NORDEST. Il Nordovest è ancora in attesa dell'ingresso dell'aria fresca e instabile dai quadranti orientali ed è ancora il sole a prevalere. Ne conseguono temperature al primo pomeriggio anche fino a 30°C e localmente oltre. Situazione diametralmente opposta al Nordest, dove l'aria fresca ed instabile sta facendo il suo ingresso sospinta dalle raffiche di Bora fino a 80km/h sul Golfo di Trieste. Qui le temperature diurne non raggiungono i 18°C, nel caso di Trieste, oscillano intorno a 21/23°C sul resto del Friuli e su buona parte del Veneto orientale. 

SITUAZIONE. Si scorgono già in avvio di giornata gli effetti del fronte freddo in discesa dal Nord Europa e del vortice mediterraneo che caratterizzeranno il weekend. Nel primo caso rovesci e temporali hanno già raggiunto il Friuli VG con fenomeni concentrati sulla Giulia, sparsi a macchia di leopardo ma localmente anche intensi che si spingono fino al Triestino. Proprio sul Golfo di Trieste è in netta intensificazione la Bora, con raffiche che raggiungono i 70km/h. Nel secondo si segnalano rovesci e temporali sul Canale di Sardegna, dove si trova in avvio di giornata il centro del vortice, e localmente sulla Sardegna stessa, con una cella temporalesca anche agisce nel cuore dell'isola ad ovest del Gennargentu. Marginalmente il vortice influenza il tempo del Centro-Sud peninsulare, più che altro con una nuvolosità sparsa medio-alta e stratificata che al momento non dà luogo ad alcun fenomeno. Ecco come proseguirà la giornata:

METEO PROSSIME ORE. Inizialmente soleggiato o poco nuvoloso su gran parte delle regioni, salvo già al mattino primi rovesci o temporali su Friuli orientale, in estensione verso ovest al resto della regione e alle coste venete, legati al fronte in discesa dal Nord Europa. Anche sull'ovest della Sicilia giungeranno i primi piovaschi, provocati dall'arrivo del vortice dal Mediterraneo occidentale. Con il passare delle ore rovesci e temporali si intensificheranno al Nordest e si estenderanno verso ovest in modo irregolare all'Emilia Romagna e Lombardia, a tratti intensi e localmente accompagnati da grandine a ridosso delle Alpi lombarde e dell'Appennino emiliano occidentale. Entro sera raggiunto anche il Nordovest, con temporali che potranno risultare forti sul Piemonte e sconfineranno alla Liguria tra Savonese e Spezzino. Sempre in serata attesi rovesci e temporali a tratti forti su Prealpi e pedemontane lombardo-venete e a ridosso dell'Appennini emiliano, più sparsi e irregolari nel centro della Val Padana. Non coinvolti l'arco alpino centro-occidentale e l'estremo Ponente Ligure, dove permarranno schiarite. In giornata instabilità in aumento su parte delle regioni centrali, con rovesci e temporali soprattutto sulle zone interne appenniniche, ma con qualche fenomeno fin su Marche e basso Lazio, fino all'Appennino campano, ovunque in esaurimento in serata. Intanto il vortice mediterraneo innescherà un incremento dell'instabilità in Sicilia, con piogge e temporali dal pomeriggio soprattutto sul settore centro-settentrionale, in estensione fino alla Calabria entro sera. Maggiori schiarite e clima più asciutto sul resto del Sud e tendenza a miglioramento in giornata in Sardegna. Temperature in diminuzione, eccetto che al Nordovest e Sardegna. Bora in intensificazione sul Golfo di Trieste fino a 70-90km/h, con raffiche da est in estensione alla Val Padana, Maestrale teso in Sardegna.

Meteo sabato 28 maggio
Meteo sabato 28 maggio

Seguici su Google News


Articoli correlati