12 aprile 2019
ore 16:48
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
3 minuti, 32 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE ORE 16,45. Diventano sempre più organizzati i temporali nel corso di pomeriggio di oggi, venerdì, soprattutto al Centro-Sud. Grandine segnalata in Puglia sulle Murge con coinvolgimento di parte del Barese. Temporali inoltre sulla Sicilia orientale che continuano a sconfinare alla costa ionica, ma la situazione è simile anche sulla bassa Calabria con i fenomeni che si sono sviluppati sull'Aspromonte, oltre a quelli che dalla Sila si portano verso il Crotonese.

Prosegue l'attività temporalesca sull'entroterra sardo con i fenomeni che sconfinano non più soltanto al versante tirrenico, ma anche a tratti del Sassarese. Celle temporalesche sparse impegnano le zone interne del Centro tirrenico e delle Marche, ma altri temporali si sono sviluppati fin sull'entroterra ligure impegnando la zona di Genova.

SITUAZIONE ORE 15. Mentre al Nord si affacciano timide schiarite, seppur intervallate da addensamenti e qualche pioggia che si attarda sul basso Piemonte, l'instabilità ha preso vigore con le ore centrali del giorno su gran parte delle regioni centro-meridionali. Non c'è praticamente alcuna regione risparmiata dalla formazione di annuvolamenti anche imponenti associati a rovesci sparsi, che in alcuni casi risultano a sfondo temporalesco.

In particolare alcuni temporali si sono formai in Toscana sul Grossetano ma anche sul Lazio poco a sud di Roma. Rovesci sparsi inoltre sull'Umbria e sulle zone interne delle centrali adriatiche, tra Marche ed Abruzzo.

Instabilità in accentuazione al Sud con rovesci su Campania, Lucania, zone interne di Molise e Puglia e soprattutto in Calabria, dove sono in corso temporali che dalla Sila sconfinano alla costa ionica.

Non sono da meno le isole maggiori. In Sardegna rovesci e temporali si sono generati su gran parte della zone interne e sono sconfinati alle coste tirreniche. In Sicilia coinvolte le aree centro-settentrionali, con rovesci e temporali trasportati dal flusso occidentale verso la costa ionica ed in particolare sul Catanese.

SITUAZIONE ORE 8. Un'area depressionaria è ancora attiva sulle regioni centro-meridionali e richiama verso il suo centro correnti umide ed instabili che ruotano in senso antiorario, investendo più direttamente le regioni settentrionali in avvio di giornata. Qui il flusso assume una componente orientale risalendo la Pianura Padana da est ad ovest e determinando piogge e rovesci sparsi che dalla notte appena trascorsa si sono concentrati soprattutto su Nordovest, Lombardia ed ovest Emilia. Sulle Alpi occidentali si segnalano nevicate tra le Cozie e le Marittime, con fiocchi dai 1500m.

Coinvolta dall'instabilità la dorsale appenninica settentrionale, dall'Emilia alle Marche, con rovesci che nella notte sono stati piuttosto insistenti sul settore bolognese, dove si sono accumulati altri 15mm dalla mezzanotte, anche in questo caso con fiocchi dai 1400m.

Instabilità diffusa sulla Sardegna, dove le correnti tendono a ruotare provenendo da ovest, con la notte che è stata caratterizzata da rovesci ed anche alcuni temporali che hanno favorito accumuli pluviometrici fino a 25mm sul Cagliaritano.

Al Sud il flusso piega con maggior decisione assumendo una componente occidentale e gli ammassi nuvolosi ed instabili presenti al largo del Tirreno si muovono verso la penisola raggiungendo le coste campane e la Sardegna occidentale, ma rovesci e temporali si scaricano per ora al largo.

PROSSIME ORE. La depressione si sposterà dal Sud Italia verso i Balcani richiamando verso il suo centro il rampo che ha reso instabile il tempo negli ultimi giorni al Nord, dove i fenomeni andranno attenuandosi, salvo qualche isolato fenomeno al pomeriggio sulle Prealpi. In serata qualche fenomeno in più su Trentino e alto Veneto. Qualche piovasco in serata si ripresenterà anche sull'Emilia a ridosso dell'Appennino, mentre ampie schiarite avanzeranno sulle Alpi di confine, specie in Valle d'Aosta. L'instabilità tenderà a concentrarsi invece al Centro-Sud con piogge e temporali dal pomeriggio in Sardegna, specie interna, così come su gran parte delle regioni tirreniche peninsulari, Appennino e nord della Sicilia. Locali sconfinamenti dei fenomeni entro sera alle coste molisane e dell'alta Puglia, ma anche a quelle della Calabria ionica. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati