7 luglio 2022
ore 12:59
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 7 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

Dopo aver raggiunto la categoria 3 e divenendo così il più potente sistema tropicale della stagione fino ad oggi sul Pacifico, l'uragano Bonnie ha iniziato a perdere energia mercoledì. Ora si trova alle coordinate 17.1N 112.5W, ovvero a più di 800k dalle coste del Messico affacciate al Pacifico. Intorno al suo centro soffiano venti le cui raffiche raggiungono i 170km/h e si sposta verso ovest alla velocità di 20km/h, allontanandosi sempre di più dalla terraferma.


Nelle prossime ore Bonnie continuerà ad indebolirsi tanto che già da domani verrà declassato a tempesta tropicale e sabato a semplice depressione tropicale, per poi dissiparsi probabilmente entro la fine della settimana. Bonnie ha portato condizioni di forte maltempo fino a inizio settimana su Nicaragua, El Salvador e Guatemala, provocando la morte di cinque persone, ed ha causato inoltre mareggiate sulle coste dell'America centrale.


A subire le condizioni peggiori è stato il Nicaragua alla fine della scorsa settimana, attraversato dal suo versante atlantico a quello pacifico, tanto che Bonnie è uno dei pochi sistemi tropicali che è riuscito a scavalcare l'America centrale passando da un oceano all'altro. L'ultima volta fu il 24 novembre del 2016, quando l'uragano Otto impatto anch'esso sul Nicaragua buttandosi nel Pacifico e venendo declassato a tempesta tropicale.

La rotta prevista di Bonnie. Fonte: National Hurricane Center
La rotta prevista di Bonnie. Fonte: National Hurricane Center

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati