21 novembre 2021
ore 14:01
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 8 secondi
 Per tutti

Dallo scorso weekend il Canada occidentale e l'angolo nordoccidentale degli USA hanno vissuto condizioni di marcato maltempo, con piogge battenti e continue che hanno provocato alluvioni storiche. La British Columbia è lo stato canadese che ha sperimentato le situazioni peggiori, con inondazioni devastanti che hanno portato all'evacuazione di migliaia di persone, ancora oggi costrette a rimanere lontane dalle loro abitazioni.

Solo giovedì circa 18000 persone risultavano ancora evacuate nella British Columbia, senza sapere quando potranno rientrare nelle loro residenze, tra l'altro con la strada della Trans-Canada Highway tutt'ora chiusa a causa degli allagamenti. La British Columbia ha raccolto un totale di accumuli pluviometrici di oltre 200mm nel corso della settimana. La città di Vancouver i pluviometri hanno registrato valori di 125mm durante l'evento, con picchi di 250mm nelle località limitrofe.

Numerose sono state le frane nel Canada occidentale, alcune delle quali si sono inghiottite interi paesi provocando la morte di quattro persone. Un'altra vittima nello stato di Washington, negli USA, anch'esso coinvolto nella pesante ondata di maltempo della scorsa settimana. Ma si teme che nei prossimi giorni il bilancio possa continuare a salire, con il continuo lavoro dei soccorritori impegnati a scavare fra le frane che hanno devastato il Canada occidentale e l'estremo nordovest degli USA.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati