5 settembre 2022
ore 12:52
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 49 secondi
 Per tutti
Il tifone Hinnamnor visto dal satellite
Il tifone Hinnamnor visto dal satellite

Si trova alle coordinate 31.1N 125.5E il centro del super tifone Hinnamnor, equivalente alla categoria 3 degli uragani atlantici, 300km ad est di Shanghai e circa 500km a sud della costa della Corea del Sud. Considerano la turistica isola di Jejudo, posta un centinaio di chilometri a sud della penisola, Hinnamnor è ancora più vicino alla Corea, dove i suoi effetti si avvertono già con forti piogge e rovesci, venti intensi e onde via via più alte. Intanto anche sulla costa cinese si segnalano forti venti e mareggiate fin sulla zona di Shanghai.


In giornata il super tifone transiterà pochi chilometri ad est di Jejudo, con effetti che potrebbero essere devastanti. Poche ore dopo sarà la volta della costa coreana meridionale, con il landfall atteso martedì sulla città portuale di Busan. Qui le raffiche di vento potranno superare i 200km/h con onde alte più di dieci metri, pesantissime mareggiate e piogge torrenziali, tanto che per la prima in volta negli ultimi cinque anni il dipartimento coreano delle contromisure di sicurezza e disastri ha emesso il livello di allerta tifone più alto della sua scala a quattro livelli.

Moltissimi voli sono già stati cancellati e diverse aziende interromperanno la produzione entro martedì, tra cui la LG Electronics e la POSCO. Anche la SK Innovation, proprietaria della principale raffineria della Corea del Sud SK Energy, ha affermato di aver vietato alle navi da trasporto di operare fino al passaggio del tifone. Ripercussioni con maltempo intenso si avranno anche nel Giappone più occidentale, nonostante la sua relativa lontananza dalla traiettoria del tifone.


Dopo aver impattato sul sud della Corea Hinnamnor perderà parte della sua energia, ma proseguirà la rotta verso nordest scorrendo sul Mar del Giappone, mantenendosi a distanza dalla costa russa. Perderà parte della sua intensità per lo scorrimento su acque meno calde, ma rimarrà in grado di dar luogo a piogge molto abbondanti sull'estremo oriente russo, dove potrebbe effettuare un nuovo landfall martedì sera come equivalente uragano di categoria 1.

La rotta prevista di Hinnamnor
La rotta prevista di Hinnamnor

Seguici su Google News


Articoli correlati