5 dicembre 2021
ore 23:55
di Carlo Migliore
tempo di lettura
6 minuti, 19 secondi
 Per tutti

ANCORA PIOGGIA TRA CAMPANIA, ALTA CALABRIA E POTENTINO,TEMPORALI, GRANDINE E NEVE A BASSA QUOTA AL CENTRO: fronte freddo ancora in azione tra la Sardegna e le regioni centrali dove la discesa delle temperature e la formazione di alcuni temporali ha favorito delle grandinate anche intense come avvenuto a Nerola in provincia di Roma e delle nevicate a quote via via più basse in Appennino tra il Lazio e l'Abruzzo con neve anche ad Amatrice e fiocchi misti nell'Aquilano.

Ancora pioggia battente invece tra Campania, Basilicata tirrenica e alta Calabria con punte fino a 60mm sul Salernitano e sul basso Potentino. Temporali hanno intanto raggiunto anche il Molise e si avviano verso la Puglia garganica. Situazione più tranquilla sul resto del Centro ed al Nord dove si segnalano solo dei rovesci nevosi sull'Appennino Tosco Emiliano fino a quote collinari e delle piogge sparse non particolarmente intense sull'alto Spezzino in Liguria e sulle province di Livorno e Grosseto

---

PIOGGE ABBONDANTI TRA BASSA CAMPANIA, ALTA CALABRIA E POTENTINO, SUPERATI I 50mm, ROVESCI E TEMPORALI ANCHE AL CENTRO E SARDEGNA: nel corso delle ultime ore l'aria fredda di matrice artica ha fatto il suo ingresso sul Mediterraneo centrale anche dalla valle del Rodano in Franca stimolando la formazione di un secondo minimo fittizio sul Tirreno centro settentrionale. Tale minimo riuscirà a rinvigorire ulteriormente la circolazione di instabilità già presente. Lo testimoniano i nuovi rovesci e temporali che stanno interessando la Sardegna e una linea temporalesca presente anche sulle regioni centrali tra Lazio e Abruzzo prossima anche all'area metropolitana di Roma che sta portando nevicate fino a 900-1000m, neve anche ad Amatrice. Altri rovesci sono presenti tra bassa Campania, Potentino tirrenico e alta Calabria dove ormai si superano dalla mezzanotte i 50mm. Poco da segnalare sul resto della Penisola se non qualche pioggia o rovescio, anche nevoso a quote collinari sull'Appennino Tosco Emiliano

Passate le ore centrali si delinea anche il quadro delle temperature massime della giornata, in media al Centro Sud con valori persino localmente sopra media fino a 19°C per correnti favoniche sull'Abruzzo e sotto media seppur di poco al Nord dove le massime in pianura non hanno superato se non occasionalmente gli 8-9°C. Le città più fredde di oggi Bolzano e Piacenza rispettivamente con 4°C e 6°C. La località più fredda Pian Rosa con una massima di -19°C

PIOGGE ABBONDANTI IN CAMPANIA, PUNTE DI 50mm, QUALCHE TEMPORALE ANCHE AL CENTRO: la perturbazione giunta in nottata continua la sua marcia verso sudest alimentando due fronti di instabilità, uno più freddo che sta portando dei rovesci e dei temporali tra Lazio, Umbria e Marche con neve in calo sulle Marche fino a 800-1000m e uno più mite responsabile di piogge abbondanti tra la Campania e la Calabria tirrenica con accumuli fino a 50mm nel Salernitano. Deboli fenomeni, nevosi fino a bassa quota sono presenti anche sulle Alpi orientali e l'alto Friuli. Altrove aperture anche ampie in un regime di variabilità sulla Sardegna che concede ancora spazio a qualche temporale. Intanto le temperature molto basse del mattino sono leggermente risalite al Nord anche per effetto dei cieli sereni. Attualmente siamo attorno ai 5-7°C in Valpadana. Più mite il Centro Sud con valori fino a 15-16°C sulla costa tirrenica e ben 18°C su quella adriatica abruzzese per effetto dei venti favonici.

--

FRONTE FREDDO IN AZIONE - Aria fredda di matrice artico-marittima ha scavalcato le Alpi al seguito di una perturbazione nord atlantica formando un minimo di bassa pressione secondario sull'alto Adriatico. Il ramo freddo della perturbazione  sta portando fenomeni nel complesso deboli tra il Triveneto e l'Emilia Romagna con nevicate fino a bassa quota su Alpi/Prealpi orientali e Appennino settentrionale comprese tra 300 e 700m. Il ramo caldo sospinto da venti molto forti di libeccio che hanno raggiunto raffiche di 90km/h sulla Toscana, sta portando invece rovesci e temporali sul medio basso versante tirrenico e a tratti sulla Sardegna. I fenomeni legati al fronte occidentale sono iniziati già nella seconda parte della giornata di sabato con accumuli di pioggia notevoli sulla Toscana che già prima della mezzanotte raggiungevano punte di 60mm nel Pistoiese e 50mm nella zona di Prato. Dalla mezzanotte invece gli accumuli maggiori si sono registrati tra il Lazio e la Campania con punte di 30mm nella provincia di Latina e di 40mm nella provincia di Salerno

TEMPERATURE MOLTO BASSE AL NORD: risveglio gelido per il Nordovest che a causa dei cieli sereni ha visto diffuse gelate, tutt'ora alle 9:00 ancora presenti sul Piemonte e in parte anche sulla Lombardia con valori scesi all'alba fino a -5°C nel Torinese e nell'Astigiano. Freddo anche sul resto del Nord con valori non oltre 2-3°C in Emilia Romagna e non superiori ai 4-5°C sul Triveneto. Clima nettamente più mite al Centro Sud che grazie ai venti di libeccio ha visto minime della notte superiori ai 10°C con punte fino a 14-15°C lungo la costa tirrenica.

EVOLUZIONE - Nel corso delle prossime ore la situazione si ingarbuglierà ulteriormente perché l'aria fredda comincerà ad affluire sul mediterraneo anche dalla Valle del Rodano stimolando la formazione di un secondo minimo di bassa pressione sul Tirreno che agirà all'unisono quel quello sul versante Adriatico. L'ampliamento dell'area depressionaria comporterà una maggiore diffusione dei fenomeni che torneranno ad interessare anche le regioni centrali mentre il Nord, eccetto Veneto e Friuli, resterà protetto. L'ulteriore abbassamento delle temperature favorirà inoltre un calo della quota neve, che potrà cadere ancora fino a bassa quota sulle Alpi orientali e fino a quote collinari al Centro e su parte del Sud. Vediamo allora le previsioni per le prossime ore:  

PREVISIONE DOMENICA 5 DICEMBRE PROSSIME ORE: Nord, al mattino schiarite su Piemonte e Liguria, più nubi altrove con piogge sparse e nevicate fino a bassa quota su Alpi/Prealpi orientali e Appennino Emiliano Romagnolo. Dal pomeriggio migliora su Lombardia ed Emilia, resistono nubi e qualche fenomeno tra Veneto Friuli e Romagna, nevoso fino a 200-300m sulle Alpi orientali. In serata ancora qualche pioggia tra Veneto e Friuli con neve dai 300m. Centro, variabile a tratti instabile su Sardegna, Toscana e Lazio con qualche isolato piovasco e nevicate dai 900-1200m in Appennino.  Fenomeni più sporadici sul medio Adriatico, assenti sull'Abruzzo. Dal pomeriggio sera nuova intensificazione dei fenomeni sulla Sardegna con temporali, qualche piovasco sporadico su Toscana e Lazio. Peggiora sull'Abruzzo con rovesci e locali temporali. Neve in Appennino dai  600-900m. Sud, instabile su Campania, Calabria tirrenica e Sicilia con rovesci e temporali, fenomeni più sporadici altrove. Dal pomeriggio qualche temporale anche su Molise e Puglia settentrionale. Ancora diffusamente instabile la sera con rovesci e locali temporali. Temperature in diminuzione a iniziare dalle regioni centro settentrionali. Venti forti dai quadranti occidentali salvo che sull'alto Tirreno e l'alto Adriatico dove saranno settentrionali. Mari molto  o agitati con mareggiate lungo le coste tirreniche. Tempo instabile e freddo anche a inizio settimana.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati