11 settembre 2020
ore 23:49
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
5 minuti, 17 secondi
 Per tutti

AGGIORNAMENTO ORE 20: SICILIA E SARDEGNA ANCORA NEL MIRINO DEL MALTEMPO.  ROVESCI E TEMPORALI ANCHE SU LAZIO, CALABRIA E CAMPANIA TIRRENICA - Nel tardo pomeriggio un intenso sistema temporalesco ha interessato la Sicilia nordorientale, coinvolgendo in particolare la dorsale dei Peloritani e l'alto versante ionico messinese. Le precipitazioni a regime di nubifragio hanno scaricato fino a 40-50 mm di pioggia in circa due ore, apportando diffusi allagamenti e la piena lampo del torrente Pagliara, che divide i comuni di Furci SiculoRoccalumera. Su tutta l'isola la situazione volge verso un graduale miglioramento. Dopo i forti temporali sopraggiunti a metà giornata, a Palermo la viabilità è tornata regolare: sono stati riaperti al traffico veicolare, infatti, i sottopassi della circonvallazione.

Sotto l'azione di un vortice depressionario in quota, rovesci e temporali coinvolgono a più riprese anche la Sardegna, con particolare riferimento alle province di Nuoro, Oristano e Sassari, seppur senza particolari criticità di tipo idrogeologico. Giornata all'insegna della variabilità e priva di fenomeni significativi nell'hinterland di Cagliari, che ieri ha sfiorato la soglia dei 100 mm giornalieri.

Rovesci temporaleschi a carattere sparso e irregolare coinvolgono inoltre i rilievi e i versanti tirrenici di CalabriaBasilicata e Campania, con accumuli mediamente compresi tra i 5 e i 20 mm: nel corso della serata piogge di debole o moderata entità e frequenti fulminazioni potrebbero fare capolino anche a Ischia e nell'hinterland di Napoli

Seconda parte del pomeriggio all'insegna di condizioni di spiccata instabilità atmosferica sulle aree interne del Lazio: poco prima del tramonto, in particolare, un maestoso temporale a supercella ha coinvolto i settori nordorientali della provincia di Roma, lambendo appena la Capitale. Sospinti delle correnti sudorientali in quota, nelle prossime ore i fenomeni temporaleschi punteranno il Viterbese e il tratto costiero compreso tra Ladispoli e Civitavecchia.

AGGIORNAMENTO ORE 16,20. INSISTONO I TEMPORALI SULLE DUE ISOLE MAGGIORI - Sono al momento le aree più colpite dai temporali odierni le nostre due isole maggiori, Sardegna e Sicilia. in Sardegna sono le zone settentrionali e occidentali a subire i fenomeni più rilevanti, con temporali e rovesci per accumuli pluviometrici che viaggiano verso i 30 mm sul Sassarese. In Sicilia la situazione è andata migliorando negli ultimi minuti sul Palermitano, ma temporali anche forti insistono sul Messinese, dove si registrano allagamenti e accumuli pluviometrici di oltre 70 mm a Marina di Patti

AGGIORNAMENTO ORE 15,30. SICILIA BERSAGLIO DI FORTI TEMPORALI, ALLAGAMENTI A PALERMO E MESSINA - Un ramo del fronte che ruota intorno al minimo di pressione sulla Sardegna ha raggiunto la Sicilia, innescando forti temporali su molti settori. In particolare è il versante tirrenico a vedere i fenomeni più intensi, dal Palermitano al Messinese, con accumuli pluviometrici anche superiori a 60mm. A Palermo un violento nubifragio si è abbattuto intorno all'ora di pranzo, costringendo la Polizia locale alla chiusura a scopo precauzionale di alcuni sottopassi in Viale regione, riaperti comunque poco dopo. Più pesante la situazione a Patti (ME) dove a seguito del nubifragio molte strade sono state allagate, oltre a negozi e scantinati. Anche in questo caso la Polizia locale è dovuta intervenire chiudendo alcune strade.

NUOVI TEMPORALI IN SARDEGNA - Dopo il forte maltempo di giovedì nuovi temporali si sono sviluppati dal pomeriggio in Sardegna sulle zone interne, in particolare su quelle del Sassarese dove gli accumuli pluviometrici hanno rapidamente superato i 20mm, mentre più tranquilla risulta oggi la situazione sul Cagliaritano.

GLI ALTRI FENOMENI MENO RILEVANTI - Si segnalano infine alcuni rovesci al Nordovest tra ovest Piemonte ed Imperiese, sull'entroterra spezzino, in Toscana tra Livornese e Grossetano, su Cilento, Salento ed infine sull'Appennino Calabrese, in particolare sull'Aspromonte con locali sconfinamenti alla costa tirrenica.

AGGIORNAMENTO ORE 12,30. ROVESCI E TEMPORALI RAGGIUNGONO IL LAZIO, TEMPRALE A ROMA - Nella sua rotazione da sud verso nord il fronte che ruota intorno al minimo di pressione sulla Sardegna ha raggiunto il basso Lazio, con temporali che dall'area costiera si sono spinti verso l'interno coinvolgendo buona parte del Pontino, estendendosi poi anche al romano, specie da Roma Ovest verso la costa. Nel frattempo proseguono i rovesci e temporali in Piemonte, particolare sulle aree occidentali, ma i fenomeni si sono estesi anche alla Liguria di Ponente con qualche tuono soprattutto sull'Imperiese.

AGGIORNAMENTO ORE 10. FORTI TEMPORALI SUL CUNEESE - E' il Cuneese la zona al momento più colpita dai temporali di oggi, con accumuli pluviometrici che superano localmente i 60mm. I fenomeni insistono anche su Biellese, ad ovest di Torino e al confine tra Alessandrino e Genovese. Per il resto si segnala qualche temporale che torna ad interessare le isole maggiori, più che altro il sud della Sardegna.

AGGIORNAMENTO ORE 8. TEMPORALI AL NORDOVEST - Il vortice mediterraneo si sta spostando molto lentamente verso est e si posiziona oggi sulla Sardegna, dove nella giornata di giovedì ha dato luogo a condizioni di marcato maltempo con forti temporali e nubifragi. Il fronte che si sviluppa intorno al suo centro si estende da sud a nord lungo il Tirreno scaricando forti temporali al largo, ma raggiunge anche Mar Ligure e Nordovest, con altri fenomeni di instabilità. Avvio di giornata infatti con temporali in Piemonte e Liguria, contemporaneamente interessate verso le ore 8 di questa mattina, Genova, Cuneo, Torino e il Canavese al confine con la Valle d'Aosta, mentre altri fenomeni si stanno generando tra Langhe e Monferrato.

SARDEGNA - Si è attenuato invece il maltempo in Sardegna, dopo il giovedì estremamente instabile e foriero di forti temporali che hanno causato allagamenti e disagi su buona parte della regione, in particolare sul Cagliaritano. In queste ore la Sardegna si ritrova nel centro della circolazione vorticosa e nubi e piogge ruotano intorno in senso antiorario, sfiorando le Bocche di Bonifacio e le coste meridionali tra l'Iglesiente e il Cagliaritano, mentre prevalgono ampie schiarite nel resto del'isola, anche se non saranno durature. Ma vediamo come evolverà il tempo nel corso della giornata.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati