28 febbraio 2019
ore 15:42
di Manuel Mazzoleni
tempo di lettura
3 minuti, 22 secondi
 Per tutti


Si avvia Marzo e con esso pure la primavera meteorologica.

Anche per il terzo mese dell'anno, il primo nel calendario romano, numerosi sono i detti ed i proverbi che fan da contorno alla primavera in arrivo, al risveglio della natura e alla spiccata variabilità meteorologica tipica di questo mese. Di seguito una carrellata di quelli più popolari, focalizzando l'attenzione su quelli di natura meteorologica:  



METEOROLOGICI

Marzo pazzarello guarda il sole e prendi l’ombrello


Marzo pazzerello esci col sole e rientri con l’ombrello


Gennaio ingenera, febbraio intenera, Marzo imboccia


Neve marzolina dalla sera alla mattina


Vento di Marzo non termina presto


L'acqua di marzo è peggio delle macchie ne' vestiti


Marzo alido, aprile umido.


Marzu, acqua e suli, carricari fa li muli


U friddu di Marzu scorcia a vecchia ‘ntô iazzu


Lu friddu di marzu trasi dintra lu cornu di lu voi


Marzo ha comprata la pelliccia a sua madre, e tre giorni dopo e' l'ha venduta


Marz marzott fiö d'un baltrocch fiö d'una baltroca, o ch'el piöf o ch'el tira vent o ch'el fioca    




AGRICOLTURA

Marzo asciutto ed aprile bagnato, beato il villano che ha seminato


Marzo ventoso, frutteto maestoso


Chi nel Marzo non pota la sua vigna, perde la vendemmia


Marzo molle, grano per le zolle


Le api sagge in Marzo dormono ancora


Marzo o buono o rio, il bue all’erba e il cane all’ombra


Quando Marzo va secco, il gran fa cesto e il lin capecchio


La nebbia di marzo non fa male, ma quella d'aprile toglie il pane e il vino


Se marzo butta erba, aprile butta merda


La luna marzolina fa nascer l’insalatina


Marz pulverent, per fà séghel e furmènt


Tanta nebbia di Marzo, tanti temporali d'estate


Marzo, la serpe esce dal balzo  




ALTRI

Di marzo, chi non ha scarpe vada scalzo, e chi le ha, le porti un altro po' più in là


Marzo tinge, april dipinge, maggio fa le belle donne, e giugno fa le brutte carogne


Di marzo, ogni villan va scalzo


Quando marzo marzeggia, april campeggia


Marzo non ha un di come l’altro


Marzo tinge, aprile dipinge


Pace tra suocera e nuora dura quanto la neve marzola


Marzo cambia sette cappelli al giorno



SANTI

A Sant Prospar (2/3) no j pâr di gjavâ cumò il tabâr


A Sant Tomâs (7/3) il frêt al va in pâs


Se piove ai quaranta Santi (10/3) piove per altrettanti


Se venta a san Gregoriòn (12/3) venta per un stagiòn


L’acqua gregoriana dai mali risana


Buine anade e ven se a Sant Josef (19/3 ) al è seren


Se a Sant Josef il cjamp si injarbe, al mus di sigûr no j cres la barbe


Se al tone prin di Sant Josef, doi Unviers intun


Sant Josef plante cocis, Sant Michêl lis gjave dutis


San Isepo protetor de la tera el porta il bel de la primavera


De san Isepo no se scalda più il leto


Il tabar, Sant Josef cumò lu gjave, cumò lu met


Sant Josef e Sant Joachin nus dedin une buine fin


San Isepo la sisile passa el teto, passa o no passa el fredo el ne lassa


De san Isepo le sisile passa el mare, se no le xe passae le xe negae


A San Iosepo le foglie xe lunghe un bezo


A Sant Benedet (21/3 ) L’aiar al pâr un soflet


San Benedetto la rondine sotto il tetto


A san Benedìo il freddo l’è compìo


Se tona prima di san Benedio, l’inverno torne indrìo


Vuê al è Sant Benedet,se nol pie vert al pie sec


Per l’Annunziata (25/3) la rondine è tornata


Per l’Annunziata l’è finita l’invernata


Per l’Annunziata si semina la patata


A san Amadio (30/3) non voltarti indrio


Per San Benedetto la rondine sotto il tetto



Se ne conoscete altri segnalateli sulla nostra pagina di Facebook o Twitter



Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati