24 febbraio 2020
ore 10:26
di Alex Guarini
tempo di lettura
1 minuto, 3 secondi
 Per tutti
L'epidemia di Coronavirus ha drasticamente ridotto l'inquinamento da CO2 della Cina
L'epidemia di Coronavirus ha drasticamente ridotto l'inquinamento da CO2 della Cina

L'epidemia di Coronavirus sta avendo un impatto importante sulla produzione industriale della Cina, le misure governative per contenere la diffusione del virus hanno implicato una drastica diminuzione della domanda energetica. Normalmente durante il periodo del Capodanno cinese il Paese si blocca per una settimana con negozi e cantieri chiusi nella maggior parte delle città e questo implica un abbattimento temporaneo della domanda che subito dopo i festeggiamenti e le chiusure del capodanno riprende a salire, ma quest'anno non è stato cosi. La ripresa delle attività subito dopo il Capodanno ha mostrato un drastico cedimento:

Curva del consumo di carbone nei giorni prima e dopo il Capodanno Cinese
Curva del consumo di carbone nei giorni prima e dopo il Capodanno Cinese

Tra le diminuzioni più significative, quella dell'utilizzo di carbone nelle centrali elettriche al minimo da quattro anni, la produzione delle raffinerie di petrolio nella provincia di Shandong al livello più basso dal 2015, la produzione di prodotti in acciaio al livello più basso degli ultimi cinque anni, il drastico calo del voli nazionali scesi del 70% rispetto al mese precedente l'epidemia. Tutto ciò ha abbattuto significativamente le emissioni di CO2, nello stesso periodo dello scorso anno la Cina ha rilasciato circa 400 milioni di tonnellate di CO2, l'effetto Coronavirus ha implicato un calo di 100 milioni di tonnellate quindi circa un quarto.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati