27 gennaio 2020
ore 12:32
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 18 secondi
 Per tutti

Potrebbe essere stato causato dalle cattive condizioni meteo l'incidente che ha causato lo schianto dell'elicottero su cui si trovavano Kobe Bryant, la figlia ed altre 7 persone mentre si stavano recando ad un allenamento, tutti hanno perso la vita. Il disastro è avvenuto domenica mattina intorno alle 10 ora locale sulle colline vicino Los Angeles in California. Secondo una prima ricostruzione degli eventi sembra che sulla zona ci fosse una fitta nebbia e che non sussistessero le condizioni per poter far volare l'elicottero ma l'FBI ha avviato un'indagine ufficiale per chiarite le ragioni dell'incidente. Kurt Deetz, un pilota che spesso in passato ha trasportato Bryant sul suo elicottero, ha affermato che l'incidente è stato probabilmente causato dalle condizioni meteorologiche avverse piuttosto che da problemi meccanici. "La probabilità di un guasto del motore gemello su quell'aeromobile? Semplicemente non accade", ha detto al Los Angeles Times


Kobe Bryant ha disputato la sua ultima partita da giocatore Nba con la maglia dei Los Angeles Lakers nell'aprile del 2016. Nella vittoria sugli Utah Jazz (101-96) l'asso cresciuto in Italia ha messo la parola fine a 20 anni di carriera indimenticabili. I Lakers hanno organizzato un grande evento per la giusta celebrazione di un mito del basket e la fine di un'epoca in casa gialloviola: Bryant l'ha onorato con una prestazione da 60 punti. Questi alcuni dei numeri del fenomeno: 48.618 i minuti giocati, compresi i 42 del suo ultimo incontro. Nella storia dell'Nba è stato il quarto marcatore di sempre.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati