Redazione 3BMeteo
25 marzo 2019
ore 8:20
Redazione 3BMeteo
tempo di lettura
2 minuti, 26 secondi
 Per tutti

La fase anticiclonica dai connotati tipicamente tardo-primaverili che da diversi giorni interessa l'Italia verrà bruscamente interrotta ad inizio settimana dal transito di una saccatura alimentata da correnti fredde di origine artica. Ne conseguirà un sensibile peggioramento del tempo, dapprima sulle Alpi di confine, poi sulla dorsale appenninica.

Nella giornata di lunedì 25 il fronte freddo si addosserà all'arco alpino, provocando le prime nevicate sui settori centro-orientali di confine. Al passaggio della saccatura si assocerà un primo calo delle temperature, che diverrà più marcato nelle 24 ore successive. Entro sera il limite delle nevicate si abbasserà fino ai 1200-1400 m sulle Dolomiti e fin sotto i 1000 m sui crinali di confine. Poco coinvolto il restante arco alpino, con addensamenti per lo più improduttivi. In serata i primi fenomeni interesseranno la dorsale emiliana: il limite delle nevicate, inizialmente relegato alle medie e alte quote dell'Appennino, si abbasserà fino ai 600-700 metri nel corso della notte.

Nella giornata di martedì 26 il fronte proseguirà la sua marcia verso sud: il tempo tornerà a migliorare sensibilmente sulle Alpi e l'instabilità, dunque, si concentrerà sull'Appennino. Già dalle prime ore notturne rovesci e temporali conquisteranno la dorsale tosco-emiliana e quella umbro-marchigiana, con quota neve in brusco calo da 1500 a 800-1000 m. Nel corso del giorno i fenomeni tenderanno ad esaurirsi sulla dorsale settentrionale e si intensificheranno su quella centro-meridionale, con neve dai 600-800 m in Abruzzo. Entro sera torneranno a imbiancarsi anche i rilievi del Sud: neve a partire da 800-1000 m in Basilicata, Molise, Campania, Puglia garganica e Daunia, con fiocchi che potrebbero fare capolino tra la pioggia fino a Potenza e Campobasso. Fenomeni nevosi a quote relativamente più alte in Calabria e Sicilia, generalmente al di sopra dei 1100-1300 m

Mercoledì 27, infine, il tempo volgerà ad un generale miglioramento anche sulle regioni del Centro. Condizioni di residua instabilità si attarderanno al Sud, con ancora qualche nevicata sull'Appennino lucano e sui rilievi di Calabria (Sila, Aspromonte) e Sicilia (Madonie, Nebrodi, Etna) a partire dai 900-1100 m.

Dove nevicherà nei prossimi giorni in Italia? Scoprilo nella nostra sezione MAPPE

Per conoscere la concentrazione di inquinanti sulla tua zona consulta la nostra sezione dedicata alla QUALITÀ DELL'ARIA.

Segui l'evoluzione del tempo dei prossimi giorni nella sezione METEO ITALIA

Sei amante dello sci? Consulta la nostra sezione NEVE con tutte le informazioni su numero di impianti aperti, altezza neve e tanto altro per tutti i comprensori italiani e non solo. 

Segui l'evoluzione meteorologica in tempo reale nella nostra sezione DATI IN DIRETTA.

Segui l'andamento del tempo in real-time dai SATELLITI AD ALTA RISOLUZIONE presenti nella nostra sezione.

Che tempo fa nelle più belle località d'Italia Italia? Consulta la nostra sezione WEBCAM.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati