13 ottobre 2020
ore 13:06
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 12 secondi
 Per tutti
Il centro di Nankga visto dal satellite nei pressi di Taiwan
Il centro di Nankga visto dal satellite nei pressi di Taiwan

E' ancora poco al largo di Taiwan la tempesta tropicale Nangka ma sul sudest asiatico negli ultimi giorni le piogge sono state davvero abbondanti e hanno provocato disastri su Vietnam, Laos e Cambogia, dove si contano decine di vittime, circa 40. Solo in Cambogia sono state danneggiate quasi 25000 case e 84000 ettari di raccolti. Ma al momento il centro della tempesta si trova ancora ad un centinaio di chilometri ad est delle coste orientali di Taiwan, dove è imminente il suo landfall. I venti sprigionati dalla tempesta raggiungono raffiche di 100km/h e nel suo spostamento verso ovest alla velocità di 12km/h farà landfall in giornata con piogge torrenziali.


Le stesse piogge legate al ramo settentrionale di Nangka stanno coinvolgendo anche il sudest della Cina e la città di Hong Kong, accompagnate da forti venti nordorientali innescati dal monsone che converge all'interno del suo occhio.

Da domani Nangka abbandonerà Taiwan ma si dirigerà verso il Vietnam settentrionale dove farà landfall tra mercoledì e giovedì dopo essersi parzialmente intensificato, con venti quasi a 120km/h. E' dunque massima l'allerta per il Vietnam che si ritroverà alle prese con la fase più acuta del maltempo di questi giorni. Le piogge torrenziali torneranno ad interessare nei giorni seguenti anche Laos e Cambogia, con conseguenze che potrebbe essere ancora più gravi di quelle attuali.

La rotta prevista di Nangka
La rotta prevista di Nangka

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati