21 maggio 2020
ore 8:42
di Francesco Nucera
tempo di lettura
3 minuti, 7 secondi
 Per tutti
landfall di Amphan
landfall di Amphan

AGGIORNAMENTO ORE 20:30 - CICLONE AMPHAN FA LANDFALL SU INDIA E BANGLADESH, VITTIME - Come nelle attese il ciclone Amphan, uno dei più forti degli ultimi 20 anni sull'Oceano Indiano, si sta abbattendo proprio in queste ore tra Bangladesh e India nord orientale, con piogge torrenziali, venti fino ad oltre 170-180km/h e onde alte fino a 4-5 metri che si abbattono sulle coste esposte: era dal 1999 che il Golfo del Bengala non veniva investito da un ciclone di tale potenza. Proprio in prossimità delle coste, altamente popolate, vi sono numerose case danneggiate o distrutte dalla furia del vento, con evacuazioni di massa, per un totale di circa 3 milioni di persone. Circa 2 milioni e mezzo di abitanti della costa del Bangladesh sono state messe al sicuro, mentre tra Orissa e Stati del Bengala occidentale sono state evacuate oltre 600.000 persone. Colpita anche la città di Calcutta, con alberi abbattuti, blackout elettrici per via dei pali divelti e strade allagate. In Bangladesh si teme inoltre la distruzione di gran parte dei raccolti. Al momento si contano purtroppo delle vittime, che sarebbero almeno 2, nonchè decine di feriti. 

AGGIORNAMENTO ORE 13:00 - Amphan ha da poco toccato terra tra Bangladesh ed Odisha con onde di tempesta, piogge intense e raffiche di vento oltre i 150 km/h. Il completamento del landfall si compirà in un paio di ore.


Il ciclone Amphan è a poche ore dal suo landfall; rispetto al suo status di ieri di superciclone ( equivalente di un categoria 5) Amphan si è indebolito entrando a far parte di una zona sfavorevole; tuttavia rimane sempre una grave minaccia per Bangladesh e India orientale. Amphan è infatti previsto toccare la terraferma nel pomeriggio odierno mercoledì 20 maggio. Oltre 2 milioni di persone sono state fatte evacuare dalla zona. L'area è tuttavia già interessata da precipitazioni e venti forti, in particolare sul Buthan. Nonostante l'indebolimento provocherà piogge torrenziali (oltre 300mm nei prossimi giorni), venti forti e onde di tempesta. C'è infatti da dire che sostanziali porzioni di queste zone sono solo a 5 metri sopra il livello del mare e ci vivono milioni di persone. Anche la città di Calcutta rimane esposta alla sua traiettoria.

PERCHE' SI E' FORMATO? Amphan, che si è formato per il passaggio di una forte onda di Kelvin sull'Oceano Indiano, è ad orail ciclone più forte sul Golfo del Bengala dal 1999 da quando un altro superciclone provocò morte e distruzione. Amphan è passato dalla categoria 1 alla categoria 5 equivalente in poco meno di un giorno.

UN PO' DI DATI - Storicamente sull'Oceano indiano solo pochi cicloni hanno raggiunto il grado di superciclone nonostante le acque molto calde. La vicinanza della terra impedisce a molti cicloni di raggiungere una maggiore intensità. L'India e il Bangladesh sono stati colpiti frequentemente da intensi cicloni.Secondo un lavoro di Hoarau et al nel periodo dal 1980 al 2009 21 cicloni sono diventati intensi sull'oceano indiano. 16 dei 21 cicloni hanno raggiunto la terra con venti sostenuti di oltre 100 nodi. Il decennio 1990-1999 è stato di gran lunga il più attivo con 11 cicloni intensi mentre 5 cicloni intensi si sono formati in ciascuno degli altri due decenni. Non vi è stata alcuna tendenza verso un aumento del numero di categorie 3-5 negli ultimi 30 anni. Tredici cicloni sono diventati intensi quando l'Oceanic Nino Index era negativo. Gli eventi de La Nina hanno avuto un'influenza notevole con otto cicloni intensi, 4 invece con El Nino.  Nessun ciclone intenso è stato osservato da luglio a settembre, essendo il picco della stagione dei monsoni.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati