15 settembre 2021
ore 16:35
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 12 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

I primi fiocchi di neve hanno già fatto la loro comparsa ieri, martedì, in Lapponia a Rovaniemi, senza però lasciare il segno. Le temperature si mantengono ancora troppo alte perché la neve possa depositarsi e i valori termici sul Nord Europa rimangono molto sopra lo zero. Una zona di alta pressione tra la Scandinavia e l'Artico innescherà però nei prossimi giorni una discesa di correnti settentrionali lungo il suo bordo destro, che riusciranno a raggiungere l'Europa nordorientale, dove affluirà aria piuttosto fredda responsabile di un calo delle temperature tra Scandinavia orientale e Russia nordoccidentale.

Non sono previste precipitazioni degne di nota, se non qualche debole pioggia giovedì sull'alta Russia, ma il clima assumerà caratteristiche tardo autunnali, con le temperature minime che si avvicineranno allo zero. Tra Finlandia, Penisola di Kola e resto della Russia nordoccidentale la colonnina si porterà su valori di qualche grado superiori allo zero, intorno a 2/4°C tra giovedì e venerdì, mentre nel weekend l'aria fredda in discesa da nord raggiungerà tutta la Svezia, oltre a paesi baltici e parte della Polonia. 

E con l'inizio della prossima settimana non è escluso che l'aria fredda si spinga ancora più a sud, raggiungendo gran parte degli stati orientali confinanti con la Russia e alimentando una zona di bassa pressione responsabile di diffuse condizioni di maltempo sull'Europa orientale.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati