27 marzo 2023
ore 15:50
di Francesco Nucera
tempo di lettura
7 minuti, 15 secondi
 Per tutti

Africa meridionale, cicloni devastanti. Il 2022 inizia con una serie di sistemi tropicali alla base di devastazione sull'Africa meridionale. Particolarmente colpiti Madagascar, Mozambico e Malawi  dove trovano la morte oltre 120 persone mentre strade e ponti sono spazzati via dalla furia delle acque. Circa 124.000 persone hanno avuto la casa danneggiata o distrutta. Il Madagascar di per sé lottava già contro gli effetti di una grave e prolungata siccità.

India e Pakistan, prolungata ondata di calore. Oltre un miliardo di persone affrontano una forte ondata di caldo fra India e Pakistan nel mese di maggio. Le temperature raggiungono i +51°C a Jacobabad; di per sé le ondate di caldo sono abbastanza comuni in questo periodo che precede l'arrivo del monsone ma quest'anno sono più precoci, più intense e anche piuttosto lunghe. Dopo un marzo anomalo soprattutto sul Nord India e Pakistan, aprile si è messo in evidenza con un clima molto più caldo della media. Questo è stato l'aprile più caldo mai registrato per l'India settentrionale e centrale. Secondo recenti studi l'India sta assistendo ad un numero crescente di giorni di caldo estremo con 600 giorni di calore tra il 2011 e il 2020 rispetto ai 413 tra il 1981 e il 1990. Questo è tuttavia in sintonia con il trend osservato in varie altre parti del mondo per cui si correla quanto accade ai cambiamenti climatici.

Si intensifica nuovamente il caldo tra India e Pakistan
Si intensifica nuovamente il caldo tra India e Pakistan

Pakistan, piogge monsoniche. Devastanti alluvioni colpiscono il Pakistan da giugno a settembre dove un terzo del Paese è sott'acqua; 33 milioni di persone sono coinvolte dalle alluvioni, circa un settimo della popolazione totale. Migliaia di persone sono state evacuate, anche con l'aiuto di elicotteri. E' il risultato delle piogge monsoniche ma anche la fusione dei ghiacciai a causa dei cambiamenti climatici e dell'aumento delle temperature. Pesanti sono le ripercussioni nell'agricoltura, con danni ingenti ai campi di ortaggi, frutta e riso, mentre quasi la metà del raccolto di cotone è stato spazzato via. Quasi 50 persone nell'Uttar Pradesh regione dell'India sono state uccise dai fulmini durante la stagione dei monsoni.

Regno Unito, caldo storico. Un'ondata di caldo eccezionale e storica colpisce in luglio il Regno Unito dove vengono per la prima volta raggiunti e superati i 40°C. La stazione meteorologica dell'aeroporto di Londra Heathrow  registra una temperatura massima di +40,2°C. Secondo la scienza questo valore sarebbe stato meno probabile senza l'influenza umana sui cambiamenti climatici. 'analisi della Health Security Agency del Regno Unito ha rilevato che 2.800 persone di età pari o superiore a 65 anni sono morte durante le ondate di calore.

Londra Heathrow - record di caldo con +40,2°C
Londra Heathrow - record di caldo con +40,2°C

Europa, incendi e siccità. Molte nazioni d'Europa fanno i conti non solo con temperature elevate ma anche con una diffusa e prolungata siccità. Circa 700mila ettari di foreste sono andati in fumo per via di rovinosi incendi. Portogallo, Italia e Romania risultano tra i Paesi maggiormente colpiti. Sulle Alpi la mancanza delle precipitazioni nevose nel semestre freddo unitamente alle temperature elevate estive ha esposto le masse di ghiaccio all'azione degli agenti atmosferici. Questo ha contribuito al distacco del seracco dalla calotta sommitale del ghiacciaio della Marmolada; la tragedia ha causato 11 vittime.

Incendi in Italia: estate 2022 critica
Incendi in Italia: estate 2022 critica

California, caldo eccezionale.  Un rovente anticiclone sugli USA occidentali fa registrare temperature record per il mese di settembre. Nella Death Valley, in California, la temperatura ha fatto registrare l'incredibile valore di 53°C. Ma valori record sono stati registrati anche su diverse zone della California e degli stati confinanti, come Nevada, Oregon, Idaho, Utah e Wyoming.

Raro derecho in Europa. Una violenta ondata di maltempo colpisce il Mediterraneo a causa del passaggio di un raro derecho, un sistema temporalesco a mesoscala che ha percorso oltre 1500 km circa portando severo maltempo su diverse Nazioni. La tempesta si è formata poco a nord delle Baleari, ha raggiunto la sua massima potenza tra Corsica e nord Italia per poi portarsi sulla Repubblica Ceca dopo aver attraversato Austria e Slovenia. In Corsica sono raggiunte raffiche massime da record con punte fino a 225 km/h a Marignana, 206 km/h a l'Ile Rousse, 197 km/h a Calvi; in Italia 150km/h a Colonnata, 138km/h a Marina di Massa, 137km/h a Marina di Carrara. In Slovenia registrate raffiche fino a 115 km/h. Sei le vittime in Corsica, 5 in Austria, due in Italia, decine i feriti. Danni ingenti. 

raro derecho in transito
raro derecho in transito

Cina, caldo storico. L'ondata di caldo dell'estate che interessa la Cina è la più intensa dal 1961, anno in cui sono iniziate le registrazioni e ha battuto anche quella del 2013 che deteneva il record precedente. Normalmente nel periodo che va dal 1 giugno al 15 agosto le giornate di caldo intenso con temperature estreme, superiori ai 38/40°C non sono mai più di 7, quest'anno invece sono state 12. Ben 1426 stazioni meteo hanno registrato una temperatura di 37°C, 1680 stazioni quella di 35°C e la temperatura di 40°C ha avuto la sua massima espansione sul territorio con punte di 44/45°C state registrate per più giorni consecutivi. Sono 267 le stazioni meteorologiche in tutta la Cina che hanno registrato temperature record ad agosto e un lungo periodo di siccità. 

Tifone Namnadol si abbatte sul Giappone. ll sud-ovest del Giappone è stato colpito da uno dei peggiori tifoni di sempre con venti oltre i 200km/h: a causa di Namnadol, oltre nove milioni di persone sono costrette ad evacuare le proprie abitazioni. Più di 300000 famiglie sono rimaste senza elettricità. Si contano alcune vittime.

Il tifone Namnadol al momento del landfall in Giappone
Il tifone Namnadol al momento del landfall in Giappone

Cina, ancora caldo record per settembre.  Una intensa ondata di caldo interessa la Cina in avvio di ottobre, si contano centinaia di record. I valori raggiungono i 40,9°C a Qingyang, 40,7°C a Shitai, 40,6°C a Xiushui, 40,5°C a Ruichang. Il record di ottobre è stato battuto diverse volte negli ultimi giorni. Questa ondata di caldo in pieno autunno fa seguito a quella storica dell'estate.

Ian, l'uragano più mortale per la Florida. La Florida a fine settembre viene devastata dall'uragano Ian di categoria 4; si tratta dell'uragano più mortale che ha colpito la Florida in 87 anni con almeno 114 vittime. Ian si è poi spostato lungo la costa atlantica colpendo la Carolina del Nord e del Sud. Complessivamente le vittime sono 147 tra Cuba, Florida, North Carolina e Virginia.

Tutta la potenza del tifone Noru sulle Filippine. Incredibile intensificazione del tifone Noru sul Mar delle Filippine. Noru ha raggiunto la terraferma con la forza equivalente a quella di un uragano atlantico di categoria 4, con raffiche di vento fino a 240km/h sull'isola di Luzon, dove vivono più di 50 milioni di persone. Più di 70000 persone sono state evacuate. Noru ha provocato pesanti inondazioni e mareggiate, causando la morte di 40 persone.

Australia, piogge record con La Nina. Le piogge eccezionali cadute nello stato del Nuovo Galles del Sud in Australia hanno costretto all'evacuazione di migliaia di persone da numerose città. L'enorme quantitativo di pioggia, che non ha precedenti negli ultimi 70 anni ha fatto straripare anche l'invaso della diga di Wyngala che ha riversato milioni di metri cubi di acqua su tutta la zona a valle con una violenza eccezionale.  Le inondazioni hanno lasciato migliaia di senzatetto e danneggiato numerose industrie agricole.

Corno d'Africa, quinta stagione delle piogge fallita. il Corno d'Africa affronta per la quinta stagione consecutiva gli effetti della più lunga e grave siccità. Circa 21 milioni di persone in Kenya, Somalia ed Etiopia soffrono di grave insicurezza alimentare mentre parti della Somalia potrebbero essere a rischio di carestia entro la fine dell'anno. La serie di stagioni consecutive di scarse precipitazioni, i forti aumenti dei prezzi dei prodotti alimentari e i conflitti hanno spinto le famiglie nel Corno d'Africa sull'orlo della catastrofe indotta dal cambiamento climatico. Intere comunità sono state costrette a prendere misure estreme per sopravvivere, con migliaia di bambini e famiglie che hanno lasciato le loro case per pura disperazione in cerca di acqua, cibo, pascolo e soprattutto cure per i bambini affetti da malattie.

Corno d'Africa, quinta stagione consecutiva con piogge sotto media
Corno d'Africa, quinta stagione consecutiva con piogge sotto media

Devastanti inondazioni sulla Repubblica democratica del Congo. Sono almeno 140 le vittime causate dalle pesanti alluvioni che hanno colpito in dicembre la Repubblica democratica del Congo. Circa 12 milioni di persone vivono di fatto ammassate in dodici quartieri di Kinshasa, dove 300 abitazioni precarie sono state rase al suolo dalla furia dell'acqua e 40000 sono state allagate.

piogge devastanti in Congo
piogge devastanti in Congo


Segui 3BMeteo su TikTok


Articoli correlati