3 settembre 2020
ore 12:37
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 42 secondi
 Per tutti
Alcuni dei danni provocati dal tifone Maysak (Fonte immagine: @BIPSS via Twitter)
Alcuni dei danni provocati dal tifone Maysak (Fonte immagine: @BIPSS via Twitter)

Il super tifone Maysak ha fatto landfall sulla costa meridionale della Corea del Sud mercoledì nei pressi della città di Pusan come equivalente di categoria 2, provocando devastazioni. I forti venti con cui ha toccato terra hanno raggiunto i 170km/h provocando mareggiate ed erosioni della costa, oltre a piogge torrenziali. L'isola di Jeju, poco a sud della costa coreana, è stata investita dal passaggio di Maysak quando era ancora l'equivalente di categoria 3, ovvero con venti ancora più intensi e piogge torrenziali che hanno scaricato in tutto più di 1000mm da martedì.


Si tratta del nono tifone della stagione e del quarto ad aver colpito la penisola coreana quest'anno. Una vittima è stata accertata a Pusan, in Corea del Sud, mentre una nave proveniente dalla Nuova Zelanda che trasportava 43 membri dell'equipaggio e 6000 capi di bestiame si è ribaltata nel mezzo del Mar Cinese. Sono in corso le ricerche. Maysak si è poi rapidamente inoltrato verso la Corea del Nord provocando condizioni di estremo maltempo con altre piogge eccezionali e ingenti danni, mentre ora si dirige oltre il confine con la Cina nordorientale ma declassato a tempesta tropicale.


Nel frattempo un nuovo tifone si sta intensificando sul Mar Cinese. Si tratta di Haisen, ancora sul Mar delle Filippine alle coordinate 20.7N 137.7E, ovvero più di 1500km ad est dell'isola di Luzon, quella più settentrionale dell'arcipelago delle Filippine. Si sposta verso nordovest alla velocità di 15km/h ed accompagnato da venti fino a 180km/h che sollevano onde alte quasi 10 metri. E' previsto intensificarsi nei prossimi giorni fino a raggiungere l'equivalente della categoria 4 già da venerdì, con venti fino a 250km/h.


Se fino a ieri, mercoledì, sembrava intenzionato a puntare il sud del Giappone, con gli ultimi dati modellistici sembra invece intenzionato a dirigersi ancora una volta verso la Corea del Sud, raggiungendo dall'inizio della prossima settimana la già martoriata città di Pusan.

La rotta prevista del tifone Haisen
La rotta prevista del tifone Haisen

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati