4 novembre 2020
ore 10:25
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 45 secondi
 Per tutti
L'uragano Eta visto dal satellite (Fonte: Foxnews)
L'uragano Eta visto dal satellite (Fonte: Foxnews)

Il landfall di Eta è avvenuto martedì pomeriggio nel nordest del Nicaragua, poco a sud di Puerto Cabezas, come uragano di categoria 4 con venti fino a 230km/h, violente mareggiate e piogge torrenziali. Enormi sono stati i danni che ha provocato impattando sulla costa, con tetti scoperchiati, alberi e linee elettriche abbattute, fiumi straripati ma soprattutto ha provocato la morte di almeno tre persone, tra cui una ragazza di 12 anni e due minatori, tutti travolti dal fango.


Si tratta della ventottesima tempesta tropicale di questa stagione da record che eguaglia quella del 2005 come numero di tempeste entrate nella lista dei nomi, con ancora altri giorni a disposizione che si concluderà definitivamente alla fine di novembre.


Al momento l'occhio di Eta si trova nel Nicaragua, circa 70km all'interno della costa, ed è un uragano declassato alla categoria 2 con venti fino a 165km/h, in grado di scaricare piogge torrenziali che potranno provocare ulteriori immensi danni sulle poste all'interno, coinvolgendo anche il confinante Honduras, seppur con fenomeni leggermente meno intensi. E' destinato a perdere ulteriore energia nelle prossima ore venendo declassato a tempesta tropicale, non ricevendo più l'alimentazione delle calde acque caraibiche ma sarà sempre in grado di scaricare ingenti quantitativi di pioggia interagendo con l'orografia del territorio.


Nel suo spostamento verso ovest valicherà giovedì il confine con l'Honduras, attraversandolo interamente in giornata con la forza di tempesta tropicale fino a sconfinare al Belize dove verrà ulteriormente declassato a depressione tropicale. Da qui le ultime proiezioni indicano una sua netta virata verso nordest, tanto che tra domenica e lunedì non è escluso un suo altro landfall, questa volta su Cuba.


Anche gli stati adiacenti risentiranno del passaggio di Eta, tanto che secondo il NHC (National Hurricane Service) potrebbero cadere fino a 600mm di pioggia di qui a domenica tra Nicaragua e Honduras, fino a 500mm su Guatemala orientale, Belize, Panama e Costa Rica, quasi 400mm su El Salvador, Messico sudorientale e Giamaica.

La rotta prevista dell'uragano Eta (Fonte: National Hurricane Service)
La rotta prevista dell'uragano Eta (Fonte: National Hurricane Service)

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati