28 novembre 2021
ore 23:36
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 44 secondi
 Per tutti
Evoluzione meteo prima parte prossima settimana
Evoluzione meteo prima parte prossima settimana

MARTEDÌ TREGUA MALTEMPO, MA SARA' BREVE. Provocherà gli ultimi fenomeni di instabilità martedì su parte delle regioni meridionali la perturbazione giunta lunedì sull'Italia direttamente dall'Artico, ma la situazione sarà già in netto miglioramento grazie sia al suo allontanamento verso i Balcani, sia per il rinforzo di un campo di alta pressione in espansione dall'Europa occidentale. La sua permanenza sul Mediterraneo centrale e l'Italia sarà però molto breve, visto che dalle latitudini settentrionali sarà già in gestazione un nuovo affondo perturbato. Nel frattempo le ultime piogge interesseranno Puglia, Basilicata, Calabria e nordest Sicilia, anche neve già dai 500/700m, ma in esaurimento e con tendenza a schiarite. Bel tempo invece sul resto d'Italia, ma con nubi in aumento in serata su confini alpini, Levante Ligure ed alta Toscana. 

MERCOLEDÌ GRADUALE PEGGIORAMENTO. Avvertiremo i suoi effetti nel corso di mercoledì, quando il rinforzo di correnti occidentali che precederanno la sua discesa provocheranno un graduale peggioramento sulle regioni esposte, ovvero quelle tirreniche, poi anche sull'arco alpino, primo settore ad accogliere il fronte vero e proprio. Le nubi andranno progressivamente aumentando al Nord ed in serata deboli piogge interesseranno Lombardia e Triveneto, mentre sulle Alpi un po' di neve cadrà dai 700/1000m. Aumenteranno le nubi anche sulla Sardegna occidentale e sulle regioni tirreniche, con deboli piogge in arrivo e qualche nevicata dai 1200/1400m sull'Appennino, mentre resisterà il bel tempo sul versante adriatico e su quello ionico.

TENDENZA SECONDA PARTE DELLA SETTIMANA. Giovedì il fronte transiterà sull'Italia dando luogo a maltempo soprattutto sulle regioni centro-meridionali tirreniche e al Nordest, con nevicate sulle Alpi dai 700/1000m e sull'Appennino centro-settentrionale dai 1300/1500. Meno coinvolte le regioni adriatiche e l'estremo Sud, dove però il peggioramento potrebbe concretizzarsi a ridosso del weekend. A seguire possibile temporaneo rinforzo dell'anticiclone, ma con nuovi affondi artici in agguato già nel weekend. Vista la distanza temporale la tendenza potrebbe subire modifiche. Vi consigliamo di seguire i prossimi aggiornamenti.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati