22 dicembre 2015
ore 7:52
di Francesco Nucera
 Per esperti

Le vicende del tempo atmoserico dipendono dal vortice polare.  il vortice polare, la grande trottola di bassa pressione centrata sul polo viene diviso in vortice stratoserico e troposferico; è da pensarsi come un'unica entità ma a comparti separati cheperò possono influenzarsi a vicenda. I due vortici corrono in maniera sincrona attualmente. Il forte raffreddamento della stratosfera è generato dalla pigrizia delle onde planetarie troposferiche. Se non ha stimoli il vortice stratosferico si raffredda. Ma se si raffredda più del dovuto può andare a sua volta ad influenzare il vortice troposferico che si mette a correre più velocemente. In pratica è un processo che si autoalimenta. Le conseguenze è che in Europa gli anticicloni sono più presenti e spengono l'inverno. Questo equilibrio in parole povere si deve interrompere per qualche motivo.

vortice polare alla massima potenza
vortice polare alla massima potenza

Il vortice polare stratosferico mostrerebbe segnali di indebolimento nel futuro. Questo schema che proponiamo qui in basso deriva da un lavoro Garfinkel e Hartmann sulla correlazione esistente tra le anomalie di geopotenziale a 500 hPa (siamo attorno ai 5000m di altezza) ed un successivo indebolimento del vortice polare stratosferico. In pratica sono dei segnali precursori. Il lavoro evidenzia la presenza di una anomalia di geopotenziale negativa sul mar di Bering che si estende anche sul circolo polare artico e un po' anche sulla Groenlandia. Una anomalia positiva invece è presente sul Canada e anche sulla Scandinavia.

da Garfinkel e Hartman
da Garfinkel e Hartman

Se guardiamo adesso la mappa emisferica prevista per i primi giorni di gennaio del modello GEFS balza agli occhi come il lavoro di statistica si può perfettamente sovrapporre con tale modello. Anche GEFS mostra bene o male le stesse anomalie. Secondo questo lavoro sarebbe lecito attendersi un indebolimento del vortice nel corso del mese di gennaio ma non subito; questo avverrebbe infatti dopo l'ultimo rinforzo del vortice stesso atteso entro la prima settimana del nuovo anno.Su cosa accadrà nessuno può dirlo, per ora ci limitiamo solo a dare qualche indicazione.

anomalie gefs 500 hpa 4 gennaio 2016
anomalie gefs 500 hpa 4 gennaio 2016

Intanto c'è da segnalare due fatti importanti

1) c'è ancora un ulteriore raffreddamento del vortice stesso, sono davvero notevoli i valori che puntano ancora al ribasso. Siamo ancora in pieno raffreddamento stratosferico!

stratosfera, il raffreddamento continua
stratosfera, il raffreddamento continua

2) un calo di tensione del vortice è possibile a fine dicembre. Questa discreta viviacità atmosferica rientrebbe nella 'finestra' statistica nei casi di un forte vortice polare prima dell'ultimo aumento zonale. Infatti il vortice risentirebbe di un precedente disturbo che porterebbe ad un aumento della pressione sulla Scandinavia. E' lecito attendersi un calo dell'Indice AO verso la neutralità. Da qui un possibile raffreddamento dell'Est Europa. Effetti sull'Italia limitati.

riscaldamento stratosfera
riscaldamento stratosfera

Articoli correlati

Scarica la nostra app ufficiale!

Commenti