15 settembre 2018
ore 0:47
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 37 secondi
 Per tutti

Il super tifone Mangkhut, di categoria 5, è a meno di 200km/h dalle coste settentrionali delle Filippine. Si sposta verso ovest alla velocità di 12km/h e il suo landfall distruttivo sull'Isola di Luzon è infatti previsto già nella serata (italiana) di oggi, venerdì. I venti che soffiano intorno al suo centro superano i 250km/h e stanno alzando onde incredibili, alte anche più di 15 metri. Nelle Filippine migliaia di persone sono in fuga dalle loro abitazioni, scuole e uffici sono stati chiusi, le strade sono deserte, mentre sono state attivate le squadre di pronto intervento medico e di emergenza nelle zone intorno alla tempesta.

Il Presidente Rodrigo Duterte ha reso noto che il super tifone coinvolgerà più di 4 milioni di persone, di cui 800 mila vivono in condizioni di estrema povertà. A preoccupare le autorità sono soprattutto le abitazioni costruite con materiali leggeri, molte delle quali si trovano nelle Isole Batanes, circa 240km a nord dell'Isola di Luzon, la più settentrionale delle Filippine, dove vivono 3000 famiglie.


Il cuore di Magkhut transiterà sabato sulla terra ferma dell'Isola di Luzon, scorrendo da est ad ovest lungo le coordinate 18.0N 121.3E da Tuguegaro a Laoag, due delle principali località del nord di Luzon. Oltre ai venti tempestosi distribuirà piogge di eccezionale intensità che produrranno pesantissime inondazioni e ingenti danni. Sarà proprio su quest'area di terra ferma che Mangkhut inizierà a perdere parte della sua energia venendo depotenziato fino alla categoria 3. Poi proseguirà la sua corsa verso ponente tornando a scorrere sulle calde superfici del Mar Cinese meridionale e riacquistando energia fino a raggiungere la categoria 4, in attesa di fare un nuovo landfall lunedì sul sud della Cina, ad ovest di Hong Kong e quasi al confine con il Vietnam.

Per le previsioni sulle Filippine clicca qui

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati