18 febbraio 2019
ore 9:30
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 44 secondi
 Per tutti

Un anticiclone molto robusto di matrice sub tropicale occupa buona parte dell'Europa con la sola eccezione delle latitudini più settentrionali dove il flusso atlantico esercita ancora una certa azione. I massimi barici, all'incirca 1030 hPa sono proprio sull'Italia ma la stabilità si estende dalla Penisola Iberica all'Ucraina. Nel corso dei prossimi giorni, con l'ingresso nella nuova settimana, la cupola anticiclonica manterrà la sua posizione grazie ad un nuovo contributo dinamico dal vicino Atlantico ma sarà proprio questo affondo a determinarne una successiva maggiore dinamicità.

Quindi la nuova settimana sarà tutta caratterizzata dalla presenza dell'anticiclone sull'Italia con tempo stabile anche se non sempre con il sole. Avremo infatti nebbie e foschie anche persistenti sulle pianure al Nord e nelle valli del centro, unitamente ad una nuvolosità marittima che andrà ad interessare le regioni tirreniche qui e la con qualche debole pioggia. Le temperature saranno mediamente miti con scarti maggiori rispetto alla norma in collina e in montagna, mentre sulle pianure avremo diffusi fenomeni di inversione termica. La ventilazione sarà debole.

Tra mercoledì e giovedì i massimi anticiclonici dovrebbero migrare progressivamente verso l'Europa settentrionale, dapprima sul Mare del Nord, poi all'incirca verso venerdì fin sulla Scandinavia. La massa di aria calda associata all'anticiclone andrà letteralmente a spodestare un lago di aria gelida stagnante presente tra la Scandinavia e la Russia mettendolo in movimento verso sudovest. I modelli sono ancora molto incerti sul percorso di queste correnti molto fredde ma sembra ormai scontato che punteranno a fine settimana l'area balcanica meridionale e la Grecia.

L'Italia potrebbe essere obiettivo parziale di questa irruzione tra il 23 ed il 25 febbraio ma con conseguenze ancora tutte da determinare. Al momento il Sud peninsulare sembrerebbe avere una maggiore probabilità di risentire dei suoi effetti, sullo stile di quanto già accaduto nella precedente ondata fredda ma non possiamo sbilanciarci ulteriormente, serviranno conferme che arriveranno certamente nel corso dei prossimi giorni. In questo articolo maggiori dettagli

Vuoi scoprire la tendenza per i prossimi 15 giorni in Italia? Consulta la nostra sezione a medio-lungo termine


Sei amante dello sci? Consulta la nostra sezione neve con tutti le informazioni su numero di impianti aperti, altezza neve e tanto altro per tutti i comprensori italiani e non solo.


Se hai un video da condividere entra a far parte della nostra community, clicca qui per i dettagli.


Per maggiori dettagli consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Allerte previste nei prossimi giorni: clicca qui.


Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.


Temperature previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.


Per conoscere in tempo reale la situazione del traffico sulle nostre principali strade e autostrade italiane consulta la sezione TRAFFICO.


Sei curioso di sapere quale sarà la locala più fredda in Italia nei prossimi giorni? Scoprilo cliccando qui.


Per maggiori dettagli consultate la sezione  meteo Italia


Controlla la concentrazione di inquinanti prevista sulla tua zona, consulta l'apposita sezione

Condividete le vostre foto meteo anche sulla nostra community, verranno pubblicate nella fotogallery

Condividete i vostri video anche sulla nostra community, verranno pubblicati nella videogallery

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati