Redazione 3BMeteo
16 ottobre 2021
ore 18:37
Redazione 3BMeteo
tempo di lettura
1 minuto, 6 secondi
 Per tutti
Maltempo - Foto d'archivio
Maltempo - Foto d'archivio

Una violenta ondata di maltempo ha sferzato l'Australia sudorientale nella giornata di giovedì. Intorno alle 22 locali un insolito tornado notturno, inserito all'interno di un esteso sistema temporalesco di tipo lineare, ha colpito la città di Armidale, nello stato del New South Wales, lasciando una scia di distruzione lunga circa 4 km: si registrano gravi danni alle linee elettriche e almeno 12.000 residenti senza elettricità, numerosi tetti divelti, alberi sradicati e diverse auto ribaltate. I servizi di emergenza hanno ricevuto più di 120 richieste di aiuto.



Temporali, nubifragi, grandinate dal diametro di palle da golf e venti oltre i 90 km/h non hanno risparmiato neanche Sydney e le Blue Mountains inferiori: a Mount Druitt, nei sobborghi della città, le cronache locali riportano il crollo del tetto di un centro commerciale, gravi allagamenti nei negozi e oltre 5.000 clienti evacuati. Fortunatamente non si registrano feriti.

Dal punto di vista climatico la primavera è la stagione più instabile per le regioni orientali dell'Australia. Gli outbreak temporaleschi e gli eventi tornadici non sono affatto rari, seppur meno frequenti e intensi rispetto alle Great Plains americane. Secondo gli esperti del servizio meteorologico australiano (Bureau of Meteorology) il ritorno della Niña potrebbe determinare un'estate più umida e ventosa della norma.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati