24 giugno 2019
ore 12:50
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 26 secondi
 Per tutti

Analisi: conto alla rovescia per la pluri annunciata ondata di caldo africano attesa per la prossima settimana. Le ondate di calore sono più facilmente prevedibili di quelle di freddo invernale perché l'aria calda viaggia soprattutto in quota e non incontra alcun tipo di ostacolo. Il "core" rovente interessa già le basse latitudini mediterranee e lambisce le nostre isole maggiori ma all'inizio della settimana riceverà uno slancio dinamico verso nord a causa dello sprofondamento di una saccatura atlantica tra le isole Azzorre e il Portogallo, ritirandosi dall'estremo Sud della Penisola. Sarà infatti soprattutto il Nord assieme a parte del Centro a bollire letteralmente con temperature che riusciranno a raggiungere in più di un caso anche i 40°C.  Gran caldo interesserà anche la Spagna e la Francia. 

Intensità e durata: Le temperature inizieranno a salire già a partire da lunedì con massime che raggiungeranno i 34-35°C sulle pianure del Nord e nelle zone interne delle regioni centrali tirreniche, sempre più caldo poi da martedì e sarà un crescendo fino a giovedì-venerdì che dovrebbero essere le giornate più roventi. Le zone più calde saranno le interne della Sardegna, tutta la Pianura padana ma in particolare i settori centro occidentali con valori fino a 40°C a Torino, 38°C a Milano, 40°C a Bologna , sul settore orientale le temperature saranno più basse ma avremo tassi di afa molto elevati specie sulla laguna di Venezia dove le temperature percepite potrebbero anche superare i 40°C. Gran caldo anche sulla Toscana, in Umbria e sul Lazio. Firenze potrebbe toccare i 40°C, Roma i 38°C con punte di 40 nella zona nord. Probabili 40°C anche a Terni, molto caldo a Perugia che potrebbe raggiungere i 38°. Nella grafica che segue abbiamo accorpato quelli che secondo noi saranno i giorni più caldi della settimana, ovvero giovedì 27 e venerdì 28 giugno dando una stima delle temperature nelle città principali.

Con i dati attuali dopo la giornata di venerdì la bolla di aria calda dovrebbe cominciare a sgonfiarsi ma impiegherà ancora qualche giorno prima di ritirarsi completamente. Le temperature resteranno quindi sopra media ancora su tutta l'Italia ed un aumento termico è previsto anche al Sud, risparmiato nella prima fase. Insomma l'ultima settimana di giugno si prospetta davvero rovente. A giugno non è insolito avere eccezionali ondate di calore, ricordiamo fra le più intense quella del giugno 2007 quando in Puglia si raggiunsero i +47°C.

        


Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Per conoscere lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.


Allerte previste nei prossimi giorni: clicca qui.


Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione delle webcam.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati