22 dicembre 2020
ore 14:43
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 20 secondi
 Per tutti
Freddo e neve negli USA in un'immagine di archivio
Freddo e neve negli USA in un'immagine di archivio

Non solo in Europa, ma anche negli USA per i giorni intorno al Natale si sta preparando una massiccia offensiva di origine artica. In questo caso il serbatoio gelido sono le aree canadesi, dove già si raggiungono temperature ben oltre i -40°C. Già nei giorni dell'Antivigilia queste inizieranno a mettersi in moto verso sud, oltrepassando il confine statunitense e sprofondando verso gli stati centro-occidentali degli USA, dove genereranno una profonda e vasta area di bassa pressione collocata sul settore occidentale dei Grandi Laghi.

Sarà l'artefice di una fase dal sapore pienamente invernale su stati come Montana, Dakota, Nebraska e Minnesota, con temperature che crolleranno anche fino a -20°C e tempeste di neve che spazzeranno le zone di pianura, sotto vere e proprie bufere. Brusco calo termico e forti nevicate in arrivo anche su buona parte del Midwest nel giorno della Vigilia di Natale.

Nella giornata di Natale invece tutto il blocco di aria gelida piombato dal Canada traslerà verso est ed investirà una vastissima porzione degli stati orientali statunitensi, spingendosi verso sud fino addirittura alla Florida e agli stati affacciati al Golfo del Messico. In questo frangente blizzard di neve sono attesi sulla zona dei Grandi Laghi, con forti venti nordoccidentali, bufere e temperature estremamente basse. Nevicate anche sul Midwest, fino a quote d pianura, mentre un freddo più asciutto è atteso sugli stati sudorientali del Continente, con temperature che potranno raggiungere gli zero gradi anche nel nord della Florida.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati