22 febbraio 2024
ore 23:55
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 58 secondi
 Per tutti

Inizia in queste ore, con le prime piogge al Nord, quella lunga fase atlantica di cui stiamo parlando da giorni e che ci accompagnerà per tutto il weekend e poi a seguire anche verso la fine del mese e l'inizio di marzo. Nell'immediato i fenomeni sono ancora modesti ma si intensificheranno entro sera e nella giornata di venerdì si estenderanno anche alle regioni centrali. Sabato toccherà al Sud ma una nuova perturbazione entrerà sul Mediterraneo di gran carriera e andrà a stimolare anche una ciclogenesi mediterranea. Tutta l'evoluzione sarà accompagnata piogge, temporali, neve in montagna, venti forti e e un graduale calo delle temperature a iniziare dalle regioni del Nord. Ma come sempre andiamo con ordine. 

La giornata di venerdì vedrà un aumento dell'instabilità anche al Centro con rovesci e temporali che potranno risultare intensi sulla fascia tirrenica mentre il Nord vedrà un graduale miglioramento da ovest. Ancora neve sulle Alpi soprattutto centro orientali e a tratti in Appennino ma solo a quote medio alte. Verso sera piogge e temporali raggiungeranno anche la Campania e la Sicilia. Altrove ancora condizioni tra il discreto ed il variabile. Le temperature tenderanno a diminuire anche sulle regioni centrali tirreniche mentre al Sud e lungo l'Adriatico centrale potrebbero far registrare un ulteriore aumento. I venti saranno forti dai quadranti meridionali con mari agitati e mareggiate lungo le coste esposte. 

Nella giornata di sabato un secondo impulso instabile interesserà la Sardegna e dal pomeriggio anche le regioni centro settentrionali mentre il primo fronte tenderà a interessare più direttamente l'estremo Sud. Attesi ancora rovesci e temporali con un calo termico anche al Sud sebbene non ovunque. Qualche nevicata tornerà ad interessare le Alpi e l'Appennino. La ventilazione sarà in lieve attenuazione ma ancora localmente forte con mari agitati. 

Domenica assisteremo alla formazione di un vortice ciclonico sulle regioni meridionali con una diffusa instabilità al Sud dove i fenomeni potranno risultare anche forti e un'instabilità meno marcata al Centro-Nord dove non mancheranno locali precipitazioni. In serata è attesa una nuova perturbazione al Nord. Le temperature tenderanno a scendere ancora un po' mentre i venti torneranno a rinforzare. Mari ancora molto mossi o agitati


Seguici su Google News


Articoli correlati