21 gennaio 2020
ore 8:00
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 29 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. Proseguirà nel corso della settimana il dominio quasi assoluto dell'alta pressione sull'Europa centrale e meridionale, con il tempo che si manterrà in prevalenza stabile e spesso soleggiato sull'Italia. Tuttavia in prossimità del weekend il flusso perturbato atlantico sembra intenzionato a spingersi verso latitudini più meridionali, erodendo almeno in parte la vasta e robusta area anticiclonica. Vediamo quali potranno essere le conseguenze sull'Italia.

METEO VENERDÌ. Una perturbazione di origine atlantica eroderà parzialmente il campo di alta pressione all'altezza dell'Europa occidentale, agganciando ciò che resterà della depressione afro-mediterranea che stazionante da giorni tra Penisola Iberica e Nord Africa. Avanzando verso est raggiungerà l'Italia a partire da Sardegna, Nordovest e alto Tirreno con qualche pioggia in graduale intensificazione soprattutto in prossimità delle aree costiere peninsulari. Alcune nevicate sulle zone di montagna oltre i 1000/1400m. Sul resto d'Italia ancora tempo stabile e prevalenza di sole.

METEO WEEKEND. Venendo a scorrere da ovest ad est all'interno dell'alta pressione la perturbazione dovrebbe indebolirsi nel corso del suo cammino sull'Italia, risultando ancora un po' più attiva sabato sulle regioni tirreniche con qualche pioggia o rovescio sparso, in attenuazione in giornata. Domenica i suoi effetti dovrebbero ormai esaurirsi definitivamente e la pressione tornare a rinforzare, favorendo una giornata più stabile sullo Stivale. In ogni caso, vista la distanza temporale, l'evoluzione potrebbe subire modifiche e vi consigliamo quindi di seguire i prossimi aggiornamenti.

Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.

Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.

Precipitazioni previste nei prossimi giorni. Ecco i dettagli grafici.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati