23 marzo 2016
ore 16:21
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
56 secondi
 Per tutti

Nelle ultime ore un vortice si è portato sulle nostre regioni meridionali e ha richiamato un intenso flusso di correnti sud che hanno pompato sabbia dal deserto sahariano diretta verso regioni dell'Italia meridionale. Quando questo fenomeno viene accompagnato dalla pioggia, la sabbia in sospensione nell'aria cade al suolo rivestendo tutto ciò che incontra. Tra cui anche le automobili.

Si crea così uno strato di sabbia giallastra ben visibile che rimarrà appoggiato sulle carrozzerie fino al primo lavaggio. Ma attenzione alle modalità che verranno adottate per rimuoverlo. Se si interverrà direttamente con un panno, umido o asciutto che sia, o con il lavaggio tramite le spazzole rotanti, il rischio è di graffiare irreparabilmente la vernice della carrozzeria.

Per ovviare a questo problema è vivamente consigliato, prima di ogni operazione, il risciacquo con le lance con acqua e sapone, in modo da rimuovere la sabbia senza causare danni. Solo dopo questo passaggio potremo proseguire con il lavaggio dell'auto entrando nel 'tunnel' delle spazzole rotanti, ottenendo un risultato perfetto e senza alcun tipo di danno.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati