20 novembre 2022
ore 9:10
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 57 secondi
 Per tutti

Passata la perturbazione del weekend, con gli ultimi strascichi lunedì sul settore tirrenico meridionale, saremo in attesa dell'ingresso di un nuovo e più intenso ciclone dall'Atlantico che entro la giornata di martedì si posizionerà proprio sull'Italia. Il vortice piloterà un'intensa perturbazione che assumerà anche carattere di tempesta per la violenza dei fenomeni che si abbatteranno su alcune delle nostre regioni, la 'Tempesta di Santa Cecilia'.

LUNEDI' SERA I PRIMI SEGNALI. Già entro la serata di lunedì la perturbazione collegata al vortice raggiungerà il Nordovest e la Sardegna con piogge e nevicate sulle Alpi occidentali oltre i 1000/1500m, a seconda delle zone. I fenomeni si intensificheranno rapidamente e diverranno anche a carattere di rovescio su Liguria e Sardegna occidentale, estendendosi a Lombardia, ovest Emilia, parte del Nordest, Toscana e alto Lazio, con fiocchi di neve sull'Appennino settentrionale oltre i 1500m. I venti si disporranno da sudovest sui bacini occidentali rinforzando, mentre le temperature aumenteranno temporaneamente al Sud per l'ingresso delle correnti più miti meridionali che precederanno il fronte.

MARTEDI' CON FORTE MALTEMPO. La perturbazione si estenderà velocemente al resto d'Italia, pilotata da un energico vortice che si posizionerà sulle regioni centro-settentrionali con un minimo di pressione fino 990hPa. Sono attese condizioni perturbate su Levante Ligure, Lombardia, Emilia e Triveneto, con piogge abbondanti soprattutto sulle regioni di Nordest, dove saranno possibili nubifragi tra Veneto e Friuli VG. La neve cadrà abbondante sull'arco alpino oltre i 900/1000m con accumuli di oltre mezzo metro sulle Alpi orientali dai 1700-1800m di quota, oltre 30-40cm dai 1500m. Il maltempo invece andrà rapidamente esaurendosi al Nordovest, dove i fenomeni risulteranno comunque più attenuati rispetto al resto del Settentrionale per la parziale ombra pluviometrica causata dall'arco alpino occidentale. Sulle regioni centrali sarà una giornata perturbata sin dalle prime ore, con piogge e temporali sul versante tirrenico in estensione a quello adriatico e possibili nubifragi su bassa Toscana, Lazio e Marche. La neve cadrà sull'Appennino oltre i 1000/1600m abbassandosi fino a 1300m in serata sul settore laziale-abruzzese. Entro sera il maltempo tenderà ad esaurirsi sul versante tirrenico, dove subentreranno parziali schiarite. Al Sud le piogge conquisteranno la Campania e si estenderanno con il passare delle ore a Calabria e Sicilia settentrionale, con fenomeni anche temporaleschi e violenti, tanto che saranno possibili nubifragi sul versante tirrenico peninsulare. Qualche pioggia giungerà anche su Puglia e settore ionico, seppur più attenuata.

VENTI OLTRE 100KM/H. Intorno al minimo di pressione soffieranno venti tempestosi a rotazione ciclonica, con raffiche fino a 100km/h ed oltre con Maestrale ad ovest della penisola, Libeccio sullo Ionio e Scirocco sull'Adriatico. I mari risulteranno di conseguenza molto agitati e sulla Laguna Veneta la marea si farà eccezionale, con acqua alta fino a 140cm.

MERCOLEDI' MIGLIORAMENTO. Già nella giornata di mercoledì la tempesta si allontanerà verso i Balcani e le condizioni sulla nostra penisola miglioreranno rapidamente. Le ultime piogge si attarderanno sul medio-basso Adriatico e sul settore tirrenico meridionale, compresa la Sicilia, mentre altrove sarà tornato il bel tempo, anche se dall'Atlantico si starà avvicinando una nuova perturbazione che punterà le nostre regioni occidentali.

Vuoi sapere se ci sarà vento nella tua zona? Abbiamo a disposizione anche le mappe vento nazionali e regionali. Clicca qui per i dettagli >> Venti.


Seguici su Google News


Articoli correlati