11 febbraio 2024
ore 23:45
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 51 secondi
 Per tutti

ORE 12:00 SI ATTENUA IL MALTEMPO AL NORD, PIOGGE E TEMPORALI AL CENTRO SUD - Nel corso delle ultime ore ampie aperture hanno interessato il Nordovest e a tratti seppur effimere la bassa pianura Padana e il basso Veneto. Dalla mezzanotte è stato il Friuli a vedere le piogge più intense con punte di 40mm nella provincia di Udine. Piove invece a tratti anche in modo intenso sulle regioni centrali e meridionali tirreniche con anche dei temporali sulla Calabria. Qui dalla mezzanotte si superano i 50mm sia sulla Toscana che nel Lazio e sulla Campania. L'Adriatico a parte fenomeni poco significativi sulle Marche è rimasto quasi completamente all'asciutto. Anche la neve in Appennino ha davvero stentato a presentarsi se non sulle cime più alte e con accumuli non particolarmente importanti. Situazione molto diversa per le Alpi dove la neve è caduta in abbondanza con accumuli superiori ai 50/70cm. Di rilievo anche la ventilazione forte meridionale con mareggiate diffuse sulle coste tirreniche e del Sud in Genere. La massima raffica è stata registrata in quota a 1200m in Sicilia e ha raggiunto i 12okm/h.

Il vortice di bassa pressione che nella giornata di sabato si è formato sul Golfo del Leone si è spostato sulle regioni settentrionali e in queste ore ha un minimo di 994hPa. Attorno al centro continuano a ruotare ammassi nuvolosi irregolari responsabili di una instabilità piuttosto diffusa. Le uniche zone che si trovano sottovento alle correnti e per questo risentono di ampie schiarite sono il Nordovest e il medio basso Adriatico. Proprio al Nordovest si sono concentrate le precipitazioni più intense con cumulate totali dall'inizio del peggioramento fino a 400mm in Liguria, 200mm poi su alto Piemonte, alta Lombardia e alto Friuli. Tutta neve fresca sulle Alpi con accumuli in quota anche superiori ai 70/80cm. Ma le piogge sono arrivate anche sulle regioni centro meridionali, ben 150mm nella provincia di Salerno in Campania, simili quantitativi anche sull'alta Toscana, almeno 120mm sul basso Lazio. A secco o quasi il basso Adriatico e lo Ionio. Nel corso delle prossime ore il minimo non si sposterà di molto ma tenderà a colmarsi leggermente. Questo significa che l'instabilità continuerà ad interessare pressoché ancora le stesse zone della mattina almeno fino a sera. 

METEO DOMENICA PROSSIME ORE: Nord, ampie aperture al Nordovest, più chiuso altrove con piogge e rovesci intermittenti ma non intensi. Neve sulle Alpi orientali dai 1300/1500m. Non sono attesi accumuli complessivi oltre 20/30mm entro fine giornata. Centro, instabile con piogge e rovesci intermittenti intervallati da schiarite, anche ampie tra basse Marche e Abruzzo. Fenomeni ancora localmente intensi sul Lazio. Neve sopra 1500/1600m. Accumuli complessivi fino a 30/40mm entro sera. Sud, instabile o perturbato sulle regioni tirreniche e la Sicilia con piogge e temporali, localmente intensi, maggiori aperture sull'Adriatico. Migliora in Sardegna. Accumuli localmente significativi tra bassa Campania e Calabria con punte di 50/60mm. Neve non sotto i 1600/1800m. Temperature in calo al Centro-Sud, rientreranno in media su tutta l'Italia salvo che localmente su basso Adriatico e Ionio. Venti ancora forti tra ovest e sudovest con mareggiate lungo le coste esposte.

Qui la tendenza per tutta la prossima settimana (12-18 febbraio)


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati