25 maggio 2022
ore 23:46
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
6 minuti, 4 secondi
 Per tutti
Cronaca meteo Italia
Cronaca meteo Italia

NUBIFRAGI E GRANDINE AL NORD, 170mm IN LIGURIA, 36°C IN PUGLIA: Prosegue la scia di temporali che sin dalla serata di ieri ha interessato le regioni settentrionali. Attualmente una grossa linea temporalesca sta interessando una fascia compresa tra Bologna, Ferrara, Rovigo e Padova dove vengono segnalate anche delle grandinate. Altri temporali seppur a carattere più isolato stanno interessando il basso Piemonte, l'Emilia e il Friuli. Gli accumuli più abbondanti in Liguria nell'entroterra genovese con 170mm caduti a Masone San Pietro che hanno mandato in piena improvvisa il torrente Stura. Davvero notevoli anche i rain rate dell'evento che hanno toccato i 329mm/h. Abbondanti piogge e purtroppo anche grandine tra Novarese, Varesotto, Comasco e Bergamasco. Una nevicata ancora in atto ha interessato la zona dello Stelvio intorno ai 2800-3000m di quota. L'altra faccia della medaglia sono le temperature roventi che continuano ad interessare il resto della Penisola soprattutto il Sud. Raggiunti i 36°C di massima nell'entroterra barese e persino in prossimità della costa Monopolese. 34°C raggiunti al Centro a Terni, 32°C raggiunti anche nel Rodigino. Situazione diversa invece al Nordovest e sulla Sardegna dove la nuvolosità e i fenomeni hanno mantenuto più bassi i valori che non sono andati oltre i 25/27°C tra Piemonte e Lombardia.

PRIMI ROVESCI SUL CENTRO TIRRENO. Inserito in un flusso di correnti portanti sudoccidentali un corpo nuvoloso si è mosso dal Tirreno verso la penisola, raggiungendo i settori centrali tirrenici dal pomeriggio. Qualche rovescio è segnalato infatti sul Lazio, mentre alcuni temporali si scaricano al largo del Tirreno.

ROVESCI E QUALCHE TEMPORALE IN SARDEGNA. Nel corso delle ore pomeridiane rovesci sparsi e qualche temporale hanno raggiunto anche la Sardegna, seguendo una traiettoria ovest-est e spostandosi dalla costa occidentale a quella orientale. Si segnalano infatti alcuni sconfinamenti alla Costa Smeralda e al Golfo di Orosei.

LIGURIA, 170MM IN 4 ORE. E' di 170mm in quattro ore il bilancio dell'accumulo pluviometrico relativo al fortissimo temporale autorigenerante che in mattinata ha colpito l'entroterra genovese verso il confine con il Piemonte. Ne è conseguito un certo aumento della portata dello Stura, ma senza conseguenze particolari, nonostante l'ingente quantitativo di acqua caduta. I fenomeni si sono esauriti con il pomeriggio.

ROVESCI E QUALCHE TEMPORALE SUL BASSO PIEMONTE. A fine mattinata una certa instabilità ha preso forma sul basso Piemonte, tra Cuneese, Astigiano e Alessandrino, unendosi ad un'altra linea di instabilità presente tra Pavese e Piacentino, con rovesci e isolati temporali. All'ora di pranzo un rovescio in intensificazione sul capoluogo piemontese.

FORTE TEMPORALE NELL'ENTROTERRA DI GENOVA. Nel corso del mattino un forte temporale si è generato sull'entroterra ligure in Provincia di Genova colpendo la A 26 al confine tra Liguria e Piemonte, generando un vero e proprio nubifragio. Gli accumuli pluviometrici hanno raggiunto i 130mm nella zona di Masone, tutti concentrati in poche ore.

QUALCHE ROVESCIO O TEMPORALE AL MATTINO AL NORD. Dopo i fenomeni localmente forti della notte, la giornata comincia instabile al Nord tra Alpi e alta Val Padana con qualche rovescio su Piemonte e alta Lombardia. Alcune piogge o rovesci segnalati su Alpi Marittime, Monferrato e al confine con la Lombardia. Rovesci inoltre su Varesotto, Comasco e Lecchese, anche con qualche temporale.

IERI SERA I PRIMI FORTI TEMPORALI TRA PIEMONTE E LOMBARDIA, DANNI, FORTE VENTO E GRANDINE. I primi effetti della fase temporalesca si sono avvertiti già dal pomeriggio di ieri, martedì, quando rovesci e temporali a macchia di leopardo hanno colpito parte del Piemonte e dell'alta Lombardia, andando anche a disturbare il concerto di ieri sera di Vasco Rossi a Milano. Poi il fronte è traslato verso est intensificandosi nella sera/notte ha raggiunto il Triveneto con fenomeni molto intensi. Danni si sono avuti nella Bergamasca, dove il temporale di martedì sera ha scoperchiato una palazzina dell'Ospedale di Trescore Balneario. In Val Camonica, ad Angolo terme (BS) a causa di una frana di grandi dimensioni ha provocato il crollo di un tratto di strada e alcune case sono state evacuate.

Nei seguenti due video i danni causati dal temporale all'ospedale di Trescore Balneario (BG):

Nei seguenti due video i danni causati dalla frana ad Angolo Terme (BS) in Val Camonica:

FORTI TEMPORALI E DANNI IERI SERA ANCHE IN VENETO. Su tratti della zona del Garda, del Padovano, Vicentino e Trevigiano si è scatenato l'inferno. Temporali accompagnati da numerosissime fulminazioni hanno interessato la zona di Padova, soprattutto le aree settentrionali. Nel Trevigiano i temporali sono stati molto violenti e hanno provocato intense grandinate con colpi di vento. Forti grandinate hanno bersagliato Montebelluna, Giavera del Montello e Asolo. In quest'ultimo caso i chicchi hanno ricoperto le strade con uno strato spesso fino a 30cm. Allagamenti hanno coinvolto la zona di Spresiano, dove un sottopasso è diventato impercorribile, mentre il vento ha divelto alcuni pali della luce e provocato il crollo di diversi rami, costringendo i Vigili del Fuoco a numerosi interventi tutta la notte. I fenomeni legati al fronte temporalesco si sono estesi fino al Friuli VG, risultando più intensi nella zona di Udine, dove sono oltre 30mm di pioggia.

Nel seguente video forti temporali martedì sera nel Padovano:


SITUAZIONE. Pilotato da una saccatura di origine atlantica che si sta scavando verso la Spagna e il Mediterraneo occidentale, un fronte ha raggiunto già dalla giornata di ieri parte del Nord Italia, dando luogo ad una decisa intensificazione dell'instabilità. Va a concludersi quindi, quanto meno per le regioni settentrionali, l'ondata di caldo intenso che ha caratterizzato gli ultimi giorni, anche a causa del graduale indebolimento dell'anticiclone africano, grande protagonista degli ultimi giorni. Nel corso della giornata di oggi qualche rovescio si estenderà anche a parte delle regioni centrali, mentre il Sud rimarrà ancora sotto lo scudo anticiclonico con tempo stabile e temperature elevate.

METEO PROSSIME ORE. Instabile sin dalle prime ore della giornata su Alpi e Val Padana centro-occidentale con piogge e rovesci anche temporaleschi, seppur a carattere sparso; maggiori schiarite a inizio giornata su Emilia Romagna e coste dell'alto Adriatico. In giornata rovesci e temporali si estenderanno in modo sparso al resto della Val Padana, risultando più frequenti sulle zone a nord del Po ed in particolare su Trentino, Alto Veneto e Cadore, anche se in serata si andrà verso una loro attenuazione. Tempo più soleggiato sul resto d'Italia, pur con cielo offuscato dal passaggio di velature e stratificazioni alte. Una certa variabilità è prevista in giornata su Sardegna e alta Toscana, associata a qualche pioggia in intensificazione sull'isola. Temperature in calo al Nord e Sardegna, in ulteriore lieve aumento al Sud con punte di 37°C sul Tavoliere. Venti moderati in prevalenza da sudest. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia. Per l'evoluzione prevista fino a venerdì clicca qui.

Meteo mercoledì 25 maggio
Meteo mercoledì 25 maggio

Seguici su Google News


Articoli correlati