6 luglio 2019
ore 15:51
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 22 secondi
 Per tutti

Dopo un mese di giugno frequentemente sopra media luglio riporta il freddo sul nord Europa e in particolare sulla Norvegia dove alcune temperature hanno fatto segnare un nuovo record negativo dall'ultimo registrato nel 1964. Ma cosa è successo? L'irruzione di aria artica marittima è stata pilotata sulla Scandinavia da un posizionamento anomalo dell'anticiclone delle Azzorre che si è spinto ben oltre le sue normali latitudini raggiungendo persino la Groenlandia.

Così un fronte di aria fredda sganciatosi direttamente dal Polo ha attraversato tutta la regione distribuendo piogge e nevicate che si sono spinte pensate fino a quote collinari, persino sotto i 500m. La autorità delle comunità montane sono state costrette a chiudere le principali statali lasciando con un palmo di naso tutti i turisti e i campeggiatori che aveva deciso di trascorrere le vacanze in montagna.

Articoli correlati