3 ottobre 2020
ore 15:53
di Manuel Mazzoleni
tempo di lettura
3 minuti, 15 secondi
 Per tutti
Disagi in molte zone dell'Europa
Disagi in molte zone dell'Europa

La tempesta autunnale "Alex", come battezzata dal servizio meteorologico francese, legata alla profonda circolazione depressionaria che si è sviluppata tra la Francia e le Isole britanniche, sta causandonumeri disagi e severo maltempo non solo sul Nord Italia ma anche su Francia, Regno Unito e gradualmente Stati centrali.

PIOGGE RECORD IN FRANCIA, SMOTTAMENTI E PAESI ISOLATI - Piogge alluvionali hanno interessato soprattutto il comparto sudorientale del Paese con accumuli davvero importanti in poco più di 24 ore: 577mm a Mons, 380.4 mm a Bas Thorenc Andon, 355 mm a Clans, 335 mm a Coursegoules. Sulle Alpi Marittime si superano localmente i 500 mm con numerosi allagamenti e smottamenti. Al momento sono ancora numerosi i dispersi, circa una dozzina. Frane e smottamenti hanno lascito circa 13.500 persone senza elettricità, mentre sono più di 700 i vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di soccorso. Molti i comuni ancora isolati come ad esempio Saint-Martin-Vésubie e Roquebillière.


DURAMENTE COLPITA ANCHE LA BRETAGNA - il passaggio del profondo vortice con venti sino a 186 km/h sull'isola di Belle-Île-sur-Mer, al largo della costa bretone, ha sradicato numerosi alberi, abbattendo diverse linee della corrente elettrica. Circa 80.000 persone sono rimaste senza correntementre diverse linee della ferrovia restano ancora chiuse.

NUMEROSI DISAGI ANCHE IN SVIZZERA -  La tempesta ha colpito duramente anche la Svizzera provocando forti piogge sui settori meridionali e burrasche di vento su quelli settentrionali. Si registrano numerosi disagi al traffico. L'autostrada A2 è stata chiusa stamane tra Erstfeld (UR) e Beckenried (NW) in ambo le direzioni. L'allarme di piena della Reuss è scattato attorno a mezzanotte, costringendo i pompieri agli straordinari. Sono inoltre stati fatti evacuare l'area di servizio Gotthard Raststätte e il centro dei mezzi pesanti di Erstfeld. Anche il traffico ferroviario ha dovuto fare i conti con il maltempo. Le intense piogge hanno provocato interruzioni sulla linea fra Münster (VS) e Andermatt (UR), su quella fra Meiringen e Interlaken Est (BE) e fra Weissbad e Wasserauen, in Appenzello Interno. Disagi pure tra Briga (VS) e Domodossola (I), accentuati da un problema di alimentazione elettrica registrato alla stazione vallesana. Il traffico è ripreso normalmente verso mezzogiorno. Le forti piogge hanno provocato disagi alla circolazione stradale anche in Ticino, Uri e Vallese. Nel comune di Glarona Sud 13 persone hanno dovuto essere sfollate e messe in sicurezza. Inoltre la strada cantonale tra Diesbach e Betschwanden è stata chiusa al traffico. Oltre alle intense precipitazioni, la tempestaha provocato burrasche di vento al Nord. Nel comune glaronese di Elm ieri sera sono state misurate folate di Föhn con punte massime di 159 km/h. Il vento tempestoso ha imperversato anche sopra Andermatt (UR) con velocità di 169 km/h e in vetta al monte Matro sopra Biasca, con punte persino di 181 km/h, indica oggi il servizio meteorologico SRF Meteo.

La furia del mare e del vento sull'Inghilterra
La furia del mare e del vento sull'Inghilterra

MASSIMA ALLERTA ANCHE SULLE ISOLE BRITANNICHE - Allerta gialla e arancione anche per gran parte del Regno Unito durante il fine settimana, stante il passaggio della tempesta autunnale Alex. Secondo il servizio meteorologi nazionale, Met Office, resta alto il rischio di inondazioni in molte parte del Regno Unito. Nel corso delle ultime ore essa ha già causato piogge torrenziali, venti tempestosi e forti mareggiate sul comparto meridionale dell'Inghilterra. Numerose le abitazioni senza elettricità sul comparto sudoccidentale del Paese e sull'Isola di Wight.

FORTI VENTI ANCHE IN GERMANIA - Previste raffiche di vento superiori ai 100 km/h anche sul comparto occidentale della Germania, come dichiarato dal servizio meteorologico tedesco. Nel contempo il richiamo di correnti calde che precedono il fronte hanno fatto innalzare i termometri oltre i 25°C sui settori orientali del Paese. 


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati