29 novembre 2022
ore 23:44
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 35 secondi
 Per tutti

Quella che si è venuta a creare sull'Europa centro meridionale e sul Mediterraneo è una situazione piuttosto complessa ma cercheremo di spiegarvela in modo semplice.  Abbiamo sostanzialmente a che fare con due anticicloni, uno a matrice calda che agisce sul settore più occidentale ed è alimentato da correnti sub tropicali. Porterà stabilità e clima molto mite sul comparto iberico e sulle Isole Britanniche. Un altro a matrice fredda di stanza tra la Scandinavia e la Russia tenuto in vita da aria gelida di natura artica continentale, è il famoso anticiclone russo-siberiano, quello di cui non si sente più parlare tanto spesso. Sta portando freddo intenso sul nord Europa e sulla Siberia con temperature scese fino a -50°C. Ebbene è proprio quest'ultimo ad essere l'artefice indiretto del tempo che sta facendo sul nostro Paese. Le correnti fredde che scorrono sotto al suo limite meridionale riescono a raggiungere l'Europa centrale e a intrufolarsi sul Mediterraneo entrando in contrasto con una superficie ancora molto mite. Da questo contrasto nascono dei vortici, uno è attualmente in azione sullo Ionio e porterà tempo perturbato all'estremo sud, un altro non è ancora visibile ma entrerà in scena nella giornata di venerdì. Quindi sia giovedì che venerdì avremo a che fare con locali condizioni di instabilità, giovedì per il vortice in allontanamento verso la Grecia e venerdì per il nuovo vortice in formazione sulle Baleari. 

La previsione per le due giornate può essere riassunta in questo modo. Giovedì avremo ancora nubi e qualche pioggia lungo l'Adriatico, soprattutto sulla Puglia ma a tratti ancora sulla Sicilia settentrionale e il basso Tirreno, non dovrebbero essere fenomeni intensi salvo che localmente sulla Puglia. Sul resto della Penisola tempo soleggiato con pochi addensamenti. Le temperature non subiranno variazioni sostanziali e i venti saranno ancora tesi dai quadranti settentrionali. Nella giornata di venerdì la nuova perturbazione interesserà gradualmente le Isole Maggiori, parte del Centro e a tratti il Nord Italia con piogge e rovesci sulle Isole e fenomeni più deboli sui settori peninsulari, il tempo altrove sarà più soleggiato e asciutto. I venti si disporranno da scirocco e le temperature aumenteranno leggermente al Sud mentre resteranno piuttosto basse al Centro Nord. 

WEEKEND ANCORA INSTABILE E FREDDO - Nel corso della giornata di sabato assisteremo al transito di questa perturbazione con piogge diffuse, rovesci e nevicate che date le temperature piuttosto basse al Centro Nord, potranno cadere in Appenino fino a 1000m e su Alpi e Prealpi fino a quote collinari, anche sotto ai 600m. Domenica è previsto un parziale miglioramento ma con instabilità ancora presente soprattutto nella prima parte, poi a fine giornata probabilmente avremo a che fare con una nuova perturbazione.

Avrete senz'altro capito che siamo ormai entrati in una fase decisamente dinamica del tempo con caratteristiche climatiche che sono diventate via via più consone al periodo. Tale situazione probabilmente caratterizzerà l'intero mese di dicembre.

       


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati