14 maggio 2019
ore 18:30
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 41 secondi
 Per tutti

Molto caldo ai due capi d'Europa: La reiterata azione delle correnti artiche ha creato una vera e propria spaccatura termica con una distribuzione delle temperature da ovest a est del tutto anomala. L'anticiclone sub tropicale africano è rimasto relegato alla Penisola Iberica, nemmeno tutta a dire il vero con valori molto elevati in Portogallo e in Andalusia dove si sono toccati i 37-38°. La stessa situazione è toccata anche all'estremo Est Europeo che a causa della saccatura artica del settore centrale ha risentito di un continuo apporto di correnti richiamate dall'Africa nord orientale. Il pennacchio caldo ha attraversato il Mediterraneo orientale, la Turchia, il Mar Nero dirigendosi a latitudini decisamente inconsuete. Domenica 12 maggio alla latitudine di 64° Nord sulla Russia settentrionale quasi al confine con la Siberia si sono raggiunti i 31° e attualmente mentre vi scriviamo le temperature si aggirano intorno ai 32° non molto a est di Mosca. Sono temperature di 6-8° superiori alla norma fino agli estremi seppur locali di 15-20° in più come accaduto domenica.

Ferita fredda tra Mare del Nord e Mediterraneo centrale: poi c'è la ben nota storia del nostro settore, dalle nevicate tardive fino in pianura della prima settimana di maggio su Inghilterra, Francia e Germania fino al freddo autunnale di questi giorni su Baltico, Germania e Italia. Qui le temperature sono scese fino a 8° in meno rispetto alla norma. E' una situazione molto anomala per la sua scarsa dinamicità. Di solito le figure bariche che determinano questi improvvisi picchi di caldo e di freddo, "normali", nel passaggio stagionale evolvono rapidamente favorendo il ritorno a condizioni normali, invece da oltre due settimane ci troviamo di fronte alla ripetizione della stessa configurazione. Figure bloccate che ripropongono le medesime condizioni climatiche. A fine mese il bilancio sarà molto negativo sia in termini di precipitazioni che di temperature e probabilmente si sfonderanno diversi record trentennali.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati