13 agosto 2022
ore 23:29
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 44 secondi
 Per tutti

TRA CALDO INTENSO E FORTI TEMPORALI: basterebbero queste poche parole per descrivere il tempo che ci aspetta subito dopo il Ferragosto, una situazione antitetica che vedrà in netta opposizione le correnti atlantiche da un lato e l'anticiclone africano dall'altro. Una marca ondulazione delle correnti causata dallo sprofondamento di una saccatura sulla Penisola Iberica che richiamerà aria caldissima dall'entroterra algerino verso l'Italia. Ma questa rimonta anticiclonica sarà di natura dinamica ovvero destinata a spostarsi molto velocemente e così come sarà arrivata, altrettanto rapidamente se ne andrà, scacciata da forti temporali che inizieranno ad interessare prima il Nord, poi in una seconda fare anche il Centro ed il Sud. 

DOVE IL CALDO - Il caldo intenso interesserà prevalentemente le regioni centro meridionali e le Isole Maggiori, mercoledì sarà tra Sardegna, Sicilia e regioni tirreniche centrali poi giovedì sarà su tutto il Sud e buona parte del Centro soprattutto Lazio, Abruzzo e Marche. Venerdì sarà prevalentemente all'estremo Sud Peninsulare e la Sicilia. Sabato dovrebbe aver lasciato tutta l'Italia. Mercoledì si stimano valori massimi fino a 40°C in Sardegna e fino a 38°C sui settori centrali. Giovedì i 40°C potranno essere raggiunti sulla Puglia, la Calabria e la Sicilia mentre massime fino a 38°C potranno interessare ancora il Centro e la Sardegna. Venerdì ancora possibili 40°C sulla Sicilia e la Calabria mentre altrove si andrà verso una normalizzazione.

DOVE I TEMPORALI: già nella giornata del 16 qualche temporale potrà interessare le regioni centrali e occasionalmente anche il basso Tirreno. Mercoledì 17 forti temporali potrebbero interessare il Nord, soprattutto il Nordovest in particolare dalla sera. Giovedì potrebbe essere una giornata di forte maltempo al Nord con temporali anche violenti che in serata potrebbero raggiungere la Toscana. Venerdì temporali dovrebbero transitare anche al Centro e su parte del Sud

Naturalmente queste sono indicazioni generali che andranno confermate nei prossimi giorni alla luce delle nuove emissioni modellistiche, vanno quindi lette col beneficio del dubbio.


Seguici su Google News


Articoli correlati