15 maggio 2021
ore 23:49
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
5 minuti, 20 secondi
 Per tutti
Tempo in miglioramento sull'Italia
Tempo in miglioramento sull'Italia

DEBOLE FRONTE IN AZIONE SULLE ALPI, ALTROVE  MIGLIORAMENTO: dopo una mattinata molto instabile al Sud e in parte instabile al Centro-Nord la situazione volge verso un graduale  miglioramento ma non ovunque. I residui della perturbazione che ha interessato le regioni estreme meridionali si apprestano a lasciare anche la Calabria e la Puglia dove fino al pomeriggio è caduta ancora qualche goccia. Nel contempo l'instabilità diurna per altro molto ridotta che si è sviluppata nelle ore pomeridiane al Nord e sulle zone appenniniche del Centro, si va spegnendo. C'è però il transito di una perturbazione che è arrivata dalla Francia che sta portando dei fenomeni sparsi anche diffusi ma non intensi tra alto Piemonte, Valle d'Aosta e alta Lombardia con accumuli raramente superiori ai 5-10mmm, lambite anche le città di Torino e Milano. Qualche temporale è presente anche sul Friuli Venezia Giulia tra Udine e le Alpi ma anche qui gli accumuli sono modesti, non oltre i 10mm. Un altro piccolo temporale è presente tra Modena e Bologna ma questo andrà dissipandosi. Poco altro da segnalare con qualche addensamento nuvoloso sulla Toscana ma associato a fenomeni sporadici. 

CLIMA MOLTO FRESCO:  per quanto riguarda le temperature, massime quasi ovunque sotto media. Difficilmente si sono superati i 20-22°C se non strettamente e localmente sull'estremo Sud e le Isole Maggiori. La città più tiepida è stata Siracusa con 25°C, quella più fresca Torino con 16°C, una temperature che il capoluogo piemontese dovrebbe avere a fine marzo.

--

ROVESCI SULLE DOLOMITI. Mentre il nuovo fronte prosegue la sua avanzata dalla Francia verso le Alpi il tempo tende a divenire più instabile sulle Alpi orientali, con alcuni rovesci che si concentrano prevalentemente su Trentino, Cadore e Carnia

PRIMI FIOCCHI IN VALLE D'AOSTA DAI 1800M. Intanto il nuovo fronte in arrivo dalla Francia sta determinando un peggioramento col passare delle ore sui confini alpini occidentali. Le nubi sono andate intensificandosi soprattutto in Valle d'Aosta dove sono comparse deboli piogge sulle vallate centro-occidentali con fiocchi di neve che in tarda mattinata si sono spinti fin verso i 1800m di quota e tratti anche più in basso, pur senza lasciare traccia. Deboli precipitazioni raggiungono anche in Piemonte il Canavese e qualche scroscio si registra sulle zone interne del Levante Ligure.


ULTIME PIOGGE AL SUD. Proseguono nel corso del mattino alcune piogge sparse sulle regioni meridionali, in particolare su Puglia e Calabria tirrenica. Si segnalano alcuni temporali che dal Salento si stanno trasferendo alle coste di Albania e Grecia nordoccidentale. Si tratta comunque di precipitazioni ormai in prevalenza deboli, destinate a perdere importanza nel corso della giornata.

SITUAZIONE. La perturbazione giunta venerdì si sta attardando sulle regioni meridionali, dove nella notte si sono avuti piogge e temporali con precipitazioni che proseguono anche nella giornata di oggi, sabato, seppur in forma via via più attenuata. Residua instabilità anche al Nordest, ma con fenomeni più deboli e limitati ai settori alpini. Sul resto d'Italia si assiste ad un tentativo di rimonta dell'anticiclone dal Mediterraneo occidentale che permette un certo miglioramento del tempo rispetto alle 24 ore precedenti, anche se dalla Francia un nuovo fronte si avvicina alle Alpi occidentali.

NOTTE INSTABILE SUL SUD PENINSULARE. La perturbazione giunta venerdì si sta attardando sulle regioni meridionali dove ha dato luogo ad una notte instabile con piogge e temporali che si attardano al mattino di sabato su Puglia, Calabria e Basilicata. I rovesci più importanti hanno interessato nella notte i rilievi calabro-lucani, con accumuli pluviometrici di oltre 20mm sul Potentino. Qualche temporale insiste ad inizio mattinata sul Salento, mentre schiarite si affacciano dalle coste tirreniche grazie allo spostamento del fronte verso i Balcani. Residui piovaschi nella notte hanno coinvolto anche la Sicilia settentrionale, ma si tratta di fenomeni ormai definitivamente terminati.

ROVESCI E NEVE SULLE ALPI ORIENTALI. Il ramo settentrionale del fronte impegna ancora parte del Nordest con piogge sparse che si attardano sulle Dolomiti, dove oltre i 1900m sono in atto alcune nevicate. Si sono quindi esaurite le precipitazioni più intense che si sono attardate fino alla sera di venerdì, dando luogo a violenti temporali che hanno coinvolto le zone dell'alta pianura con nubifragi e grandinate.

FRONTE IN AVVICINAMENTO DALLA FRANCIA. Breve pausa dopo l'allontanamento dell'ultima perturbazione che ancora oggi si attarderà su parte del Meridione, in attesa che un nuovo fronte si avvicini dalla Francia. Questo ha già raggiunto l'estremo Nordovest con un aumento della nuvolosità alta e stratificata che sulle Alpi al confine con la Francia risulta piuttosto compatta, anche se per il momento non si segnalano precipitazioni in atto.

Cogne (AO). Nubi in intensificazione sulle Alpi occidentali per l'avvicinamento di un nuovo fronte dalla Francia
Cogne (AO). Nubi in intensificazione sulle Alpi occidentali per l'avvicinamento di un nuovo fronte dalla Francia

METEO PROSSIME ORE. La giornata comincerà all'insegna delle schiarite su diverse zone, come gran parte della Val Padana, della Sardegna, delle regioni centrali tirreniche e della Sicilia. Altrove avvio ancora un po' instabile per gli effetti residui del fronte giunto venerdì, con piovaschi su Alpi centro-orientali, Triveneto, dorsale e Sud peninsulare. In giornata il nuovo fronte in arrivo dalla Francia determinerà un più apprezzabile peggioramento sulle Alpi occidentali, con ripresa delle piogge sui rilievi piemontesi e valdostani, in estensione a quelli lombardi tra pomeriggio e sera e successivamente a quelli dolomitici e in sconfinamento all'alta Val Padana, alle pianure del Triveneto (qui con qualche temporale  e con coinvolgimento della Liguria di Levante. Sulle regioni centrali saranno invece le schiarite a prevalere, specie sul versante tirrenico e in Sardegna, anche se nel pomeriggio diversi addensamenti cumuliformi orneranno la dorsale appenninica sfociando in locali e deboli piovaschi nel Reatino. Sulle regioni meridionali peninsulari si attarderà una certa variabilità post frontale, con schiarite ed annuvolamenti e ancora gli ultimi piovaschi fino al pomeriggio su Calabria tirrenica e Salento. Più soleggiato invece in Sicilia. Temperature diurne in lieve aumento al Nord, in lieve calo al Sud. Venti tesi di Maestrale, da sudovest su Mar di Sardegna e Ligure. Per tutti i dettagli entra nella sezione Meteo Italia. Per la previsione per domenica clicca qui.

Meteo Italia sabato
Meteo Italia sabato

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati