7 settembre 2022
ore 23:43
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 31 secondi
 Per tutti
Meteo weekend
Meteo weekend

SACCATURA SUI BALCANI MA DA OVEST AVANZA L'ANTICICLONE. Il vortice britannico che nei prossimi giorni si sposterà lentamente verso est, transitando sull'Europa centrale e rendendo il tempo anche molto instabile su parte dell'Italia, lascerà in eredità una circolazione depressionaria nel corso del prossimo weekend tra le aree centrali del Continente e il comparto settentrionale balcanico. Questa potrà estendere la sua influenza fino a parte delle nostre regioni, seppur in un contesto di variabilità con schiarite a tratti anche ampie. Entro la finire della settimana un anticiclone tenterà di estendersi dall'Europa sudoccidentale verso il Mediterraneo centrale, cercando di ridurre ulteriormente gli episodi di instabilità. Nel dettaglio:

SABATO. Una certa instabilità dovrebbe attivarsi soprattutto nel pomeriggio al Nordest, in particolare sulle zone alpine, ma anche sul Levante Ligure e sull'Appennino settentrionale, con qualche rovescio o temporale. Non esclusi locali sconfinamenti dei fenomeni alle alte pianure del Triveneto. Qualche fenomeno in formazione anche sull'Appennino, più probabile sul settore centrale. Altrove le condizioni dovrebbero mantenersi più stabili e soleggiate. Le temperature dovrebbero aumentare leggermente al Nord e perdere alcuni gradi al Sud.

DOMENICA. Un po' di variabilità dovrebbe impegnare il versante adriatico, esposto ad una lieve circolazione settentrionale in scorrimento lungo il bordo destro dell'anticiclone in espansione dall'Europa sudoccidentale. Possibile di riflesso la formazione di alcuni rovesci nelle ore centrali fin lungo l'Appennino. Condizioni più stabili sul resto d'Italia, salvo lieve variabilità sulle Alpi orientali. Le temperature non dovrebbero subire variazioni significative, al più perdere alcuni gradi sul versante adriatico. Si tratta però di una tendenza che potrebbe ancora subire modifiche nei prossimi giorni, a causa della complessità dell'evoluzione. Vi consigliamo quindi di seguire i prossimi aggiornamenti.


Seguici su Google News


Articoli correlati