9 giugno 2020
ore 8:40
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 39 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. La persistenza di una saccatura di bassa pressione tra l'Europa centro-settentrionale e il Mediterraneo centro-occidentale non promette nulla di buono in settimana sul piano termico per le nostre regioni. Dopo la parentesi più calda di domenica su alcune regioni, soprattutto insulari, già da lunedì valori subiranno un calo, per l'ingresso di aria più fresca dal Nord Europa e massime che non andranno oltre i 26/28°C su Puglia, Sicilia, Sardegna e Calabria.

FINO A META' SETTIMANA. Con il passare dei giorni la permanenza di una saccatura di bassa pressione protesa dal centro-nord Europa fin verso il Mediterraneo centrale causerà condizioni spesso instabili sulle regioni centro-settentrionali italiane, ma a tratti anche al Sud. Ciò impedirà alle temperature di raggiungere valori elevati, soprattutto al Centro-Nord, nonché l'assenza delle fiammate di calore di tipico stampo estivo. Fino a mercoledì al Nordovest non si andrà oltre ai 21/23°C, mentre i valori più elevatisi raggiungeranno sul Tavoliere delle Puglie e sul Catanese, con massime sui 26/29°C.

SECONDA META' SETTIMANA. Una condizione che sembrerebbe protrarsi anche nella seconda parte della settimana, vista l'assenza di un campo di alta pressione alle latitudini mediterranee ed anzi, la persistenza di saccature depressionarie in area mediterranea. Solo a ridosso del prossimo weekend il richiamo di correnti più calde provenienti dal Nord Africa potrebbe favorire un generale rialzo termico sull'Italia, con valori anche oltre i 30°C al Sud, anche se non ci sono garanzie che questa nuova fase possa durare a lungo.


Per sapere se sono previste eventuali allerte sulla tua località, e di che tipo, consulta la nostra sezione Allerte

Per capire l'andamento delle temperature previste nei prossimi giorni consulta la nostra sezione temperature.

Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.

Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati