21 dicembre 2020
ore 14:36
di Francesco Nucera
tempo di lettura
2 minuti, 6 secondi
 Per esperti
stratwarming a fine mese
stratwarming a fine mese


Continuiamo a seguire la stratosfera dove è in previsione tra fine mese ed inizio gennaio un processo di STRATWARMING (SSW), ovvero un riscaldamento della stratosfera polare

COSA E' LO STRATWARMING? Con questo termine si intende un riscaldamento anomalo (anche di +70°C) della stratosfera terrestre, lo strato di atmosfera sopra i 12 km. A seconda della sua intensità può essere 'Minor' o 'Major'.

RISCALDAMENTO MAJOR: Sono i più intensi e sono quelli che possono causare importanti variazioni alle condizioni meteo a scala emisferica. Oltre al forte riscaldamento della stratosfera questo tipo di riscaldamento si associa un cambio di circolazione dei venti in quota (a 10 hPa) alle latitudini polari a causa di una inversione del gradiente di temperatura. In questo caso si può determinare una suddivisione del vortice polare in due lobi (split) e incidere sul tempo delle medie latitudini. In pratica il vortice polare viene 'spodestato' dalla sua naturale sede. Le aree coinvolte dai gelidi lobi del vortice polare sono interessate da rilevanti ondate di freddo.

RISCALDAMENTO MINOR: La stratosfera subisce un riscaldamento di circa +30-40°C in poco meno di una settimana. Possono essere anche corposi ma in genere non riescono ad invertire la circolazione dei venti in quota. Possono causare però una inversione del gradiente di temperatura. 

I riscaldamenti stratosferici derivano da un trasferimento di energia dal basso attraverso le onde planetarie. 

Secondo le proiezioni questo riscaldamento di 40-50°C nel giro di qualche giorno, inizialmente a carico di una sola onda, dovrebbe decelerare il vortice polare stratosferico con l'avvio del 2021.

venti a 10 hPa attesi in caduta libera
venti a 10 hPa attesi in caduta libera

 I flussi di calore sono previsti molto intensi per il periodo in bassa stratosfera

flussi di calore molto forti in bassa stratosfera (fonte NASA)
flussi di calore molto forti in bassa stratosfera (fonte NASA)


Allo stato attuale è piuttosto prematuro dire se il riscaldamento stratosferico sarà del tipo MAJOR con conseguente rottura del vortice polare oppure sarà un evento molto intenso di riscaldamento senza lo SPLIT del vortice polare, anche se capace di dar luogo a degli effetti sulla circolazione zonale. Alcuni membri del fascio di probabilità mostrerebbero una evoluzione verso uno stratwarming di tipo major durante gennaio, ovvero capace di creare una inversione del gradiente termico e invertire la circolazione zonale. Seppur questa situazione è messa nelle condizioni dal tipo di situazione troposferica nei prossimi giorni, rimane una evoluzione ancora non troppo chiara e scontata. Di conseguenza nessuna valutazione può essere fatta sulle conseguenze sul tempo di 'casa' nostra. Ne riparleremo.

vortice polare stratosferico, velocità a 10 hPa
vortice polare stratosferico, velocità a 10 hPa

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati