11 febbraio 2020
ore 20:00
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 18 secondi
 Per esperti

Il vortice polare molto intenso è alla base della forte zonalità che interessa il settore euro atlantico. La forte differenza di pressione tra l'Islanda e le Azzorre determina la formazione di un canale di vento forte a tutte le quote che spira da ovest verso est. La cronaca racconta dei venti tempestosi che interessano molte Nazioni d'Europa. Ma il vento forte è riscontrabile anche in quota attraverso la corrente a getto che soffia a oltre 400 km/h a circa 12 mila metri di quota.

E ' record per l'AO INDEX. L'indice, che è una misura di quanto forte sia il vortice polare, raggiunge secondo il NOAA il valore giornaliero di +6,34 battendo così il record precedente del febbraio 1990 fermo a +5.91.

Quali le cause? E' possibile che la situazione invernale piuttosto scialba e con un persistente sopra media termica (NAO index positiva) possa dipendere dall'Indian Ocean Dipole particolarmente forte e da record durante il corso dell'autunno ma anche da alcune anomalie termiche positive riscontrate sul Pacifico occidentale con conseguente irrobustimento della circolazione di Hadley e del vortice polare troposferico.

L'inverno 2019-20 è caratterizzato inoltre da un vortice polare stratosferico piuttosto forte e freddo tanto che le sue velocità hanno oscillato da condizioni normali a quelle intense. Esso non sono mai scese sotto la climatologia.

Inoltre il picco dell'AO Index coincide con la posizione e l'intensità del vortice stratosferico che induce una accelerazione della corrente a getto attraverso una sorta di interferenza costruttiva.

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati