24 marzo 2021
ore 8:35
di Francesco Nucera
tempo di lettura
2 minuti, 27 secondi
 Per esperti
vortice polare stratosferico
vortice polare stratosferico


VORTICE POLARE STRATOSFERICO. Il vortice polare stratosferico si presenta forte con le velocità a 10 hPa che risultano sopra la climatologia. Il vortice tende a spostarsi dalla Siberia verso l'artico dove assume una forma più circolare. La media delle previsioni mostra poi un graduale quanto fisiologico indebolimento stagionale durante il mese di aprile con le velocità che cambiano segno tra fine aprile ed inizio maggio.

velocità a 10 hpa secondo Ecmwf
velocità a 10 hpa secondo Ecmwf

VERSO UN FINAL WARMING TARDIVO. Nel frattempo sulla verticale della stratosfera polare le temperature dopo la discesa tornano a salire; le temperature stratosferiche in risalita e le velocità che cambiano segno sono compatibili con l'ultimo riscaldamento della stratosfera polare o Final Warming

temperatura in stratosfera sul Polo
temperatura in stratosfera sul Polo

Durante il Final Warming la circolazione da ovest verso est in stratosfera si inverte e si crea un anticiclone polare stratosferico. In pratica il vortice polare stratosferico scompare, una situazione normale che resta tale fino all'autunno quando tenderà poi a riformarsi. E' un evento che succede ogni anno alla ripresa della luce solare (effetti radiativi). I FW di maggior interesse sono però quelli dinamici che sono poi veri e propri riscaldamenti stratosferici, un po' come avviene in inverno. In pratica la scomparsa stagionale del vortice polare stratosferico viene aiutata dallo stratwarming dinamico primaverile; in questo caso questi eventi sono in grado di poter inficiare sulla circolazione delle medie latitudini.

Secondo la statistica durante gli inverni con stratwarming è più probabile che il Final Warming sia tardivo, dopo il 15 aprile. Il motivo deriva dal fatto che negli inverni caratterizzati da stratwarming il vortice polare ci impiega del tempo prima di riformarsi. Dal 1981 ad oggi 21 sono stati dinamici, 15 sono avvenuti dopo il 15 di Aprile. Quello piu' precoce è avvenuto il 5 marzo 2016, quello più in ritardo il 12 maggio 1981. E' ancora prematuro poter indentificare se questo Final warming sarà del tipo radiativo o dinamico anche se appare più quotato maggiormente il primo sul secondo.

VORTICE POLARE TROPOSFERICO: un cambio di scenario è atteso nel corso della settimana. La saccatura invernale che ha portato un periodo termicamente sotto media con neve a bassa quota al Centro Sud si sposterà verso levante sotto l'incalzare dell'anticiclone da ovest. Questa dinamica è influenzata dalla stratosfera che, ad ondate, invia degli impulsi alla circolazione delle medie latitudini con un rinforzo del vortice polare. Un secondo picco dell'AO index è infatti atteso nei prossimi giorni. Il risultato è un aumento della pressione sull'Europa centro meridionale. Il vortice polare mostrerebbe poi un allentamento attorno al periodo di Pasqua dal momento che il condizionamento stratosferico è discontinuo. C'è da dire che in media il vortice polare da fine febbraio si presenta più forte rispetto all'inverno; l' assetto del vortice polare tende a sfavorisce in particolare il Nord e l'alto versante tirrenico con fasi meteo piuttosto secche..


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati