2 luglio 2020
ore 16:30
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 37 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. L'alta pressione atlantica rimarrà la figura dominante nelle prossime 36/48 ore alle latitudini mediterranee e continuerà a proteggerà l'Italia centro-meridionale, coadiuvato da correnti molto calde di matrice nord africana che renderanno il clima rovente. Di tanto in tanto si assisterà al transito della coda di qualche fronte atlantico che dalle Alpi sconfinerà alla Val Padana scaricando qualche temporale anche forte, che nella giornata di venerdì raggiungerà anche parte delle regioni centrali. Da quel momento in poi si inizierà ad assistere ad un cambiamento, causato dal cedimento dell'alta pressione all'altezza del Mediterranee o centrale e al transito di una circolazione depressionaria da nord verso sud proprio lungo l'Italia nel corso del weekend. 

METEO PRIMO WEEKEND DI LUGLIO. Il fronte giunto venerdì al Nord e su parte del Centro scivolerà successivamente verso sud e nel corso del weekend coinvolgerà dapprima le regioni centrali, poi anche quelle meridionali con alcuni rovesci e temporali accompagnati da un calo delle temperature. Sabato il fronte si concentrerà sulle regioni del Centro con rovesci e temporali fino al pomeriggio più frequenti sulle zone interne appenniniche, inizialmente non esclusi alcuni fenomeni anche sulle coste adriatiche. Qualche fenomeno diurno atteso inoltre sull'Appennino Meridionale, non esclusi locali fenomeni su Prealpi orientali e Appennino Emiliano. Domenica alta pressione in rinforzo sulle regioni centro-settentrionali e residua instabilità al Sud, con qualche fenomeno diurno possibile sulle zone interne appenniniche. In ogni caso la tendenza potrebbe ancora subire modifiche e vi consigliamo quindi di seguire i prossimi aggiornamenti.


Per capire l'andamento delle temperature previste nei prossimi giorni consulta la nostra sezione temperature.

Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.

Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.

Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati